WEB RADIO

Radio Kay Kay
 
Music Star Zucchero
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC New Classics
 
RMC 90
 
RMC 80
 
Music Star Giorgia
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Duets
 
Radio Festival
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Great Artists
 
RMC Italia
 
Music Star Pino Daniele
 
Xmas Radio
 
rmc
 
MC2
 
Music Star Coldplay
 
Radio Bau & Co
 
RMC Love Songs
 
RMC Marine
 
RMC Hits
 
Music Star Tiziano Ferro
 

Adele come Schubert?

Adele come Schubert?

C'è un pò di Franz Schubert nel pop di Adele. Può sembrare incredibile che un celebre compositore del periodo romantico abbia qualcosa in comune con una cantante britannica poco più che ventenne (ma già premiata con sei Grammy Award). Invece è questa la tesi di Howard Goodall, ben noto in Gran Bretagna grazie alle sue creazioni musicali per la televisione e il teatro. Goodall (vincitore di numerosi riconoscimenti tra cui Emmy e Brit Award) sostiene che esistono parecchie connessioni tra le strutture musicali di Schubert, soprattutto nei lieder del ciclo "Viaggio d'inverno” e "Il canto del cigno” e quelle di Adele, "Rolling in the deep” e "Someone like you”. Sulle connessioni tra artisti del passato e popstar di oggi Goodall ha costruito un'intera serie, "From the stone age to the digital age”, in onda su BBC2 nel gennaio del 2013. Nel corso del programma sarà anche possibile scoprire, per esempio, i finora latenti tratti in comune tra Johan Sebastian Bach e alcune hit di David Bowie ("Changes”, "Life on Mars”, "All the young dudes”). «Rimuovete le differenze culturali, gli abiti di foggia diversa e tutto quello che è datato, e troverete tra loro forti legami» ha dichiarato Goodall al quotidiano britannico The Independent. «La forma musicale, la sua architettura, il tipo di accordi, il modo in cui la voce segue l'accompagnamento, sono simili. Si tratta di brani che catturano subito l'attenzione, d'avanguardia nell'esprimere le emozioni». Circa le analogie tra Bach e Bowie, spiega: «Il legame sta tutto nella sequenza degli accordi. Nel XVII secolo si cercavano accordi che si attraessero l'un l'altro, e Bach aveva sviluppato un loro particolare andamento discendente, che si ritrova anche in alcune canzoni di Bowie». Goodall afferma che probabilmente le pop star non sanno di avere simili legami con i grandi musicisti del passato: le similitudini sono del tutto inconsapevoli. E azzarda: «Franz Listz è stato tra i grandi della seconda metà del XIX secolo, ma oggi avrebbe creato ben poche hit di successo».

corriere