Bjork diventa prof

Bjork diventa prof

bjork

Non solo artista e performer. Ora Bjork è anche insegnante. A modo suo naturalmente, perché l'artista islandese segue sempre vie creative e originali. Ed ecco dunque nascere dalla app per smartphone e tablet dedicata al suo ultimo album "Biophilia”, un progetto educativo rivolto ai ragazzi delle scuole, soprattutto quelli che dispongono di pochi mezzi per studiare. La app Biophilia, oltre a contenere l'album dell'artista e i suoi live show, offre un programma specificatamente rivolto agli studenti e dedicato a quell'area in cui musica, scienza e tecnologia si fondono. La app mostra il funzionamento del suono e la struttura fisica dell'universo, dalle galassie all'atomo. Ne è nato anche un programma specifico non profit, il Biophilia Educational Program, composto da workshop e seminari che la cantante organizza in ciascuna delle città in cui si trova per un suo concerto. Bjork li ha già sperimentati a Manchester, Reykjavik, New York, Buenos Aires e Oslo; prossimo appuntamento Parigi, a febbraio. Insegnanti e allievi sono a quanto pare entusiasti. Ma… un problema c'è: la app è disponibile solo per gli smartphone e i tablet della Apple. E la richiesta è per app che possano funzionare anche sui meno costosi dispositivi con sistema operativo Android o Windows. Bjork ha così lanciato una campagna di raccolta fondi, la Kickstarter Campaign. Obiettivo è raccogliere oltre quattrocentomila euro e progettare così le nuove app. Bjork si è rivolta così ai fan dal suo sito ufficiale: «Il Biophilia Educational Program è un nuovo modo di insegnare ai ragazzi la scienza e la musica e ha avuto un gran successo in parecchie città, catturando l'interesse di professori e allievi di tutto il mondo, dal Sud America all'Asia all'Africa. A dimostrare maggior interesse sono gli studenti delle zone meno ricche e delle scuole con minor fondi a disposizione. L'unico modo per farli accedere al progetto è avere una app programmata anche per Android e Windows 8. Il Biophilia Educational Program è non profit e basato sul volontariato, ecco perché abbiamo bisogno del vostro aiuto».

corriere

Now on air