WEB RADIO

RMC Italia
 
Music Star Pino Daniele
 
Radio Festival
 
Radio Bau & Co
 
RMC Love Songs
 
Music Star Coldplay
 
RMC 90
 
RMC Duets
 
RMC Hits
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Kay Kay
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC New Classics
 
Music Star Jovanotti
 
Xmas Radio
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
MC2
 
RMC 80
 
RMC Marine
 
RMC Great Artists
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Music Star Zucchero
 
Radio Monte Carlo FM
 
rmc
 

Album swing per Robbie Williams

Album swing per Robbie Williams

Un disco di inediti, classici jazz e duetti con Michael Bublé e tanti altri

Non solo pop... Memore del successo del precedente esperimento, il best seller swing pubblicato nel 2001 con il titolo “Swing When You're Winning” e anticipato dall’indimenticabile duetto con Nicole Kidman sulle note del classico “Somethin’ Stupid”, Robbie Williams ha deciso di riprovarci con jazz, archi e big band. La nuova fatica sarà nei negozi il 18 novembre e si chiamerà “Swings Both Ways”, tracklist frutto della collaborazione di Robbie con il fedele hitmaker che insieme a lui ha firmato la gran parte delle canzoni che l’hanno reso celeberrimo dopo l’addio (poi revocato) ai Take That,  Guy Chambers. L’album, che vanta anche duetti con alcune stelle di nuova generazione come Lily Allen, Michel Bublé, Olly Murs e Rufus Wainwright, è infatti tutto opera di Robbie e Guy, che hanno scritto sei delle tredici tracce di “Swings Both Ways”, dedicando oltre metà del progetto a cover tratte dal grande repertorio swing tra le quali spicca la leggendaria “Minnie The Moocher”, portata al successo da Cab Calloway e ricordata nel cult movie “The Blues Brothers”.
Perché un disco swing? «Per prima cosa volevo fare un album swing perché volevo fare un album swing», ha detto Robbie, «Ho sempre saputo che non mi sarei fermato a ‘Swing When You're Winning’ e penso che questo sia il momento giusto. Mi piace il mondo dello spettacolo e mi piace la mia vita, e la mia idea è che ogni volta che faccio uscire un disco deve essere un evento. L'album questa volta è un tributo al passato e uno sguardo pieno d'amore rivolto a un momento della storia di questo pianeta in cui non c’ero (..) perché non ero nato, ma con cui sento un legame davvero forte. Entrando in studio (di registrazione) pensavo che le cose sarebbero andate come l'ultima volta che ho fatto un disco swing, ma poi ho capito che non era quello che volevo. Questo album è diverso, non sono tutte cover. Avevo alcune canzoni che volevo far sentire al mondo, che volevo far entrare nella vita delle persone. Quindi ‘Swing Both Ways’ è molto simile a ‘Swing When You're Winning’, ma anche molto diverso. Spero porti un po' di romanticismo nel mondo!»