WEB RADIO

RMC Great Artists
 
RMC Duets
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Italia
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Giorgia
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Coldplay
 
rmc
 
RMC 80
 
RMC Hits
 
RMC Love Songs
 
Music Star Zucchero
 
Xmas Radio
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC New Classics
 
Radio Festival
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Kay Kay
 
RMC 90
 
MC2
 
RMC Marine
 
Radio Bau & Co
 

Rihanna come i Beatles

Rihanna come i Beatles

Sette singoli al top delle chart in sette anni per la star, pari così con i Fab Four

Rihanna come i Beatles Non sono in discussione in questo caso la qualità delle canzoni della popstar, né la loro capacità di entrare nella storia della musica. Il paragone riguarda esclusivamente i numeri. E, in particolare, le copie vendute. Da questo punto di vista, Rihanna non teme confronti con nessuno, neanche con i leggendari Fab Four. Grazie all’immediata impennata di “The monster”, brano in cui duetta con Eminem, Rihanna è balzata al vertice della classifica del Regno Unito, eguagliando uno dei tanti record dei quattro di Liverpool: sette singoli al top delle chart musicali in sette anni. Impresa mai riuscita a nessuno dopo i Beatles, fino ad ora. Nessuno eccetto Rihanna, che, grazie a questo primato, può guardare dall’alto in basso molte delle sue colleghe. C’è da dire che, stavolta, la star è andata sul sicuro: la collaborazione con Eminem, infatti, aveva portato i suoi frutti anche nel 2010, quando “Love the way you lie”, prima collaborazione tra i due artisti, aveva sbaragliato la concorrenza, arrivando a vendere oltre venti milioni di copie in tutto il mondo (record ancora imbattuto per una traccia di Eminem). La prima hit di Rihanna in Inghilterra fu “Umbrella”, canzone che nel 2007 fece conoscere al mondo il talento e la sensualità della cantante caraibica. Successivamente sono arrivate al primo posto in UK “Disturbia”, “We found love”, “Love the way you lie”, “Only girl (in the world)”, “Diamonds” e, appunto, “The monster”.