WEB RADIO

Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Zucchero
 
RMC Marine
 
RMC Hits
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC 80
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Festival
 
Xmas Radio
 
RMC New Classics
 
rmc
 
MC2
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Duets
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Coldplay
 
RMC 90
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Love Songs
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Italia
 
RMC Great Artists
 
Music Star Giorgia
 

Michael Bublé sposo in difficoltà

Michael Bublé sposo in difficoltà

La star parla della sua vita matrimoniale: bisogna impegnarsi

Michael Bublé sposo in difficoltà Una carriera brillante, una moglie bellissima e da qualche mese anche un figlio. Grazie al matrimonio con la modella Luisana Lopilato Michael Bublé sembra proprio essersi sistemato, mettendo la testa a posto e gettandosi alle spalle una carriera da “dongiovanni” di lungo corso. Eppure la vita matrimoniale – la coppia è sposata dal 2011 – non sembra essere solo rose e fiori per il cantante canadese, che si è sfogato in un’intervista allo show britannico Daybreak. “La vita da sposato è dura. Amare è complicato, bisogna sempre impegnarsi. In qualunque relazione le persone si possono innamorare e disinnamorare con grande facilità. Alla fine, tutto si riduce a sperare che i due non si disinnamorino nello stesso tempo”.  La lontananza, in questo senso, è un ostacolo difficile da superare. Bublé si trova spesso in giro per il mondo a causa dei suoi impegni lavorativi – l’ultimo è stato il tour seguito all’album “To be loved” - e gli capita di passare intere settimane senza vedere la moglie e il figlioletto Noah. Fondamentale, per lui, è l’aiuto della tecnologia. “La tecnologia moderna è una meraviglia e ci mantiene in contatto, ci fa sentire più vicini anche quando non lo siamo. Per esempio utilizzo Skype per parlare con la mia famiglia ogni giorno”. Quanto alla sua esperienza di padre – Noah è nato ad agosto – il cantante ha rivelato di essersela immaginata come molto più difficile. “Essere padre non è come mi immaginavo che fosse. Tutto il mondo mi aveva avvertito che si trattava di un’esperienza impegnativa e che mi avrebbe cambiato, però a me sembra tutto normale. Ci piacerebbe avere altri tre o quattro figli”.