WEB RADIO

RMC Marine
 
RMC Love Songs
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Coldplay
 
Radio Festival
 
Radio Bau & Co
 
rmc
 
Music Star Jovanotti
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Zucchero
 
RMC New Classics
 
RMC 90
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
Radio Monte Carlo FM
 
Radio Kay Kay
 
RMC Hits
 
RMC Duets
 
RMC Italia
 
Xmas Radio
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC 80
 
RMC Great Artists
 

Band Aid 30: video e polemiche

Band Aid 30: video e polemiche

In rete il video della canzone benefica. Ma Damon Albarn è critico. E Adele…

Band Aid 30: video e polemiche. In rete il video della canzone benefica. Ma Damon Albarn è critico. E Adele… La nuova versione della canzone “Do They Know It’s Christmas?” è stata rivelata la sera del 16 novembre, durante la messa in onda della versione britannica del talent show X Factor. Nel corso del programma ha fatto la sua apparizione pure Bob Geldof, promotore anche in questo caso dell’iniziativa, battezzata Band Aid 30 e dedicata a combattere il virus dell’ebola. Il brano è stato registrato nei Sarm Studios di West London. A partecipare alla session, tra gli altri, Bono, Chris Martin, Ed Sheeran, Sam Smith, Paloma Faith, Emeli Sandé, Olly Murs, Ellie Goulding, Bastille, Rita Ora, Sinead O’Connor, One Direction (per vedere il video, clicca qui). Alla stampa, radunata davanti lo studio di registrazione, Bob Geldof ha dichiarato di voler invitare il pubblico ad acquistare la canzone, anche se non piace, perché si tratta di una giusta causa. «Che vi piaccia o no, non è questo il punto», ha detto Geldof «è una questione d’onore averla acquistata, è davvero qualcosa di cui andare orgogliosi». Il musicista ha anche incoraggiato le persone che si limitano a guardare il video del brano su YouTube a fare una donazione. A differenza delle due versioni precedenti della canzone (nel 1984 e nel 2004) questa volta non sono mancate le polemiche. Pare infatti che Adele sia stata invitata a partecipare, ma abbia rifiutato. A riferire la vicenda è stato lo stesso Geldof che ha rivelato al Sunday Mirror di aver chiamato il manager della star: «Non ho chiamato lei direttamente, ma il suo staff, però Adele al momento non vuole far nulla. Va bene, capisco che questo progetto non può piacere a tutti e che alcuni lo sostengono in modi diversi… io ho chiamato il suo manager, e lui mi ha detto di non riuscire a mettersi in contatto con lei. Le telefonava, ma Adele non rispondeva alle sue chiamate». Un portavoce di Adele ha dichiarato al tabloid britannico The Sun che Geldof e il management della cantante avevano avuto un incontro, ma che la partecipazione dell'artista alla canzone non era mai stata confermata. Ha aggiunto inoltre che pur non prendendo parte alla registrazione, Adele ha fatto una donazione a favore del progetto benefico. Se Adele non ha partecipato e non si è pronunciata a riguardo, a parlare è stato invece Damon Albarn, che non ha preso parte all’iniziativa in quanto non la condivide. Il musicista, che ha viaggiato in Africa e collaborato con parecchi artisti locali, ha dichiarato a Channel Four News: «Il nostro punto di vista, e le nostre idee su cosa è d’aiuto, su ciò che è giusto o sbagliato, non sono necessariamente condivise dalle altre culture. La nostra idea di beneficenza può creare problemi, specialmente a causa di iniziative che nascono dal nulla, catturano l’attenzione dei media ma fanno trascurare alcuni elementi essenziali della realtà. Così si crede che donando del denaro si possano risolvere tutti i problemi, ma spesso elargire denaro crea nuovi problemi».