WEB RADIO

Xmas Radio
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Great Artists
 
RMC 90
 
RMC New Classics
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Duets
 
RMC Italia
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Marine
 
rmc
 
Music Star Giorgia
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Love Songs
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC 80
 
Music Star Zucchero
 
RMC Hits
 
Radio Kay Kay
 
Radio Festival
 
Music Star Coldplay
 

Britney e la gaffe con la pistola

Britney e la gaffe con la pistola

Nuove polemiche per la popstar sul set del nuovo video

Britney e la gaffe con la pistola Nuove polemiche attorno a Britney Spears e al video di “Perfume”, nuovo singolo tratto dall’album “Britney Jean”, che la popstar sta girando in questi giorni. Alcuni scatti rubati dal set e pubblicati dall’Huffington Post mostrano la cantante brandire una pistola e sparare verso un uomo in auto. Nulla di scandaloso in ciò, visto che la Spears più volte è apparsa armata in uno dei suoi video. A destare scandalo è il fatto che, prima di girare questa scena, Britney girasse per il set con la pistola e una felpa di Virginia Tech, l’università dove nel 2007 uno psicopatico armato uccise 32 persone e ne uccise altre 17 in quello che è stato registrata come la strage più cruenta compiuta da un solo uomo nella storia degli Stati Uniti. Vedere una pistola associata al nome Virginia Tech ha fatto correre un brivido lungo la schiena dell’opinione pubblica americana e riversato sulla Spears un mare di polemiche. Il sito Splash ha poi spiegato che la felpa, appartenente all’attuale boyfriend della popstar David Lucado, non apparirà nelle immagini del video e che Britney l’avrebbe utilizzata soltanto per tenersi al caldo tra un ciak e l’altro. Fatto sta che la cantante di “Work bitch” si ritrova ancora una volta al centro di mille polemiche a causa del suo “feeling” con le armi da fuoco. Un’esperienza per lei non nuova, visto che già nel 2011 finì nel mirino della stampa britannica a causa del video di “Criminal”, nel quale scappava con pistola alla mano da un palazzo di Hackney, periferia di Londra scossa in quel periodo dagli scontri tra la polizia e i giovani dei sobborghi poveri della capitale inglese.