Lady Gaga clonata a Tokyo

Per il lancio dell'album in Giappone realizzate quattro bambole che la riproducono fedelmente

Lady Gaga clonata a Tokyo

Per il lancio dell'album in Giappone realizzate quattro bambole che la riproducono fedelmente
Lady Gaga clonata a Tokyo Il Giappone, patria dei cosplayer, non può che essere uno dei paesi preferiti di Lady Gaga, popstar che adora l’arte del travestimento. E il Giappone, dal canto suo, ricambia l’amore di Miss Germanotta con una stuolo di fan appassionati e devoti. Per questo motivo, la presentazione di “ ARTPOP” tenuta a Tokyo non poteva essere uguale a quelle avvenute in altri paesi. E così nella conferenza stampa tenuta nel quartiere Roppongi, Lady Gaga è stata affiancata da sue quattro riproduzioni a grandezza naturale: delle bambole totalmente somiglianti alla popstar, realizzate utilizzando le misure della cantante e un silicone speciale che dà un effetto molto simile alla pelle umana. “Sembrano proprio come me – ha commentato la popstar, che ha poi rivolto un elogio all’abilità dei giapponesi nel realizzare giocattoli – Rispetto la vostra arte e i dettagli che mettete nelle bambole”. In realtà, l’azienda che ha realizzato le “ Lady Gaga dolls” si occupa sì di giocattoli, ma di giocattoli… erotici: si tratta, infatti, della Orient Industry, fabbrica produttrice di bambole gonfiabili. Le “Lady Gaga dolls” non sono semplicemente identiche alla popstar di “Applause”, ma sono in grado di riprodurre anche alcune sue canzoni. Verranno utilizzate per promuovere “ARTPOP” in alcuni negozi sparsi in tutti il Giappone. Lady Gaga ha poi approfittato della conferenza stampa per ricordare l’impegno della sua fondazione per la regione del Tohoku, colpita nel 2011 da un terrificante terremoto seguito da uno tsunami. 

Now on air