WEB RADIO

Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Italia
 
RMC Hits
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Great Artists
 
Radio Kay Kay
 
Radio Festival
 
Music Star Coldplay
 
Xmas Radio
 
RMC 80
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
RMC Marine
 
RMC 90
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Duets
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Giorgia
 
RMC New Classics
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Bau & Co
 
RMC Love Songs
 
rmc
 

Le paure di Rihanna

Le paure di Rihanna

La cantante si sente sempre sotto osservazione

Ne ha fatta di strada Rihanna da quando, nel 2007, volò al vertice delle classifiche internazionali con la sua prima hit, “Umbrella”. Dopo sei anni di successi, però, anche la cantante originaria dell'isola di Barbados  sente il peso negativo della fama. In particolare, l’impossibilità di fare cose normali per qualunque altra 25enne. “Ci sono cose come la possibilità di andare in giro come voglio – ha raccontato al magazine britannico Glamour – Mi sento sempre osservata, sempre. A volte vorrei prendere il sole in topless, ma so che probabilmente non potrò mai farlo”. Fin qui, a ben vedere, si tratta di limitazioni non troppo stressanti e comunque tollerabili. Il problema, per Riri, è che la sensazione di essere costantemente osservata a volte degenera in pura paranoia. “Anche se sono al piano di sopra di casa mia, in camera da letto, e le tende sono chiuse, mi sento come se ci fosse un paparazzo fuori o come se qualcuno mi stesse spiando”. Un paio di anni fa la costante attenzione dei media ha portato la popstar a delle vere e proprie crisi di identità. “Ho dovuto riacquisire il mio coraggio perché l’avevo perso per un po’. Mia madre mi disse qualche anno fa: ‘Ho visto qualcosa nei tuoi occhi che non avevo mai visto prima: paura. Questa non sei tu’. E solo allora sono tornata a stare bene con me stessa”. Ad aiutare Rihanna a superare quella fase della sua vita è stata anche la sua profonda fede. “Sono tornata me stessa ricordando cosa è importante nella vita e capendo che noi tutti abbiamo una nostra personale relazione con Dio. Quando questo è ben chiaro, è difficile preoccuparsi di ciò che la gente pensa di noi”.