WEB RADIO

RMC Marine
 
MC2
 
RMC New Classics
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Great Artists
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Music Star Zucchero
 
rmc
 
RMC Hits
 
RMC Duets
 
RMC 90
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Love Songs
 
Music Star Coldplay
 
Monte Carlo Nights Story
 
Radio Festival
 
Music Star Pino Daniele
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Xmas Radio
 
RMC Italia
 
RMC 80
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Bau & Co
 

Gli U2 al lavoro in un sotterraneo umido

Gli U2 al lavoro in un sotterraneo umido

La band sta lavorando al nuovo album, che dovrebbe essere pronto tra due mesi

Gli U2 hanno appena entusiasmato i fan, consentendo il download gratuito (solo per il 2 febbraio) del loro inedito “Invisible”, e già arrivano altre buone notizie. Bono ha infatti dichiarato, in un’intervista all’emittente Radio 1 della BBC, che la band sta ultimando le registrazioni del nuovo album, e che tra due mesi il nuovo materiale dovrebbe essere pronto. Gli U2 a quanto pare vogliono anche tornare alle radici. Bono ha infatti rivelato che le registrazioni si stanno svolgendo in «un sotterraneo umido. Mentre stiamo parlando, mi trovo proprio qui, e poco fa ho visto correre dei topi. Ci piace chiamare questo posto l’impianto petrolifero. Ecco perché si finisce sempre a stare tra uomini. Crei una band quando hai 17 anni e poi hai un tuo staff, se sei fortunato, e vai in studio e c’è tutta questa gente, ma mai abbastanza ragazze. Come dire loro: “hey ragazze, giù le mani dagli interruttori qui dentro”» ha scherzatol’artista, che è tornato serio alla domanda se fosse difficile per gli U2 essere sempre tra le band di riferimento nel panorama musicale. «Siamo sempre sull’orlo del precipizio. Bisogna creare musica che è importante per noi, e per la situazione in cui ci troviamo, raccontare sempre onestamente le proprie esperienze. Se questo è importante per le altre persone, bene. Ma noi non possiamo prevederlo». Non potevano certo mancare le domande sulle sonorità dell’album in preparazione. «Siamo andati a ritroso, alla ricerca delle nostre origini. Al motivo principale per cui volevamo essere una band. Ascoltavamo i Ramones e i Kraftwerk, e queste influenze si possono trovare già in “Invisible”. Scriverlo è stato come aprire una valvola, come se si aprisse una diga».