WEB RADIO

Xmas Radio
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Great Artists
 
RMC 90
 
RMC New Classics
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Duets
 
RMC Italia
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Marine
 
rmc
 
Music Star Giorgia
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Love Songs
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC 80
 
Music Star Zucchero
 
RMC Hits
 
Radio Kay Kay
 
Radio Festival
 
Music Star Coldplay
 

Il Roxy Bar reso celebre da Vasco Rossi chiude

Il Roxy Bar reso celebre da Vasco Rossi chiude
Il Roxy Bar, lo storico locale reso celebre da Vasco Rossi nella canzone "Vita spericolata" ha chiuso i battenti
Correva l'anno 1983 quando Vasco Rossi cantava "E poi ci troveremo come le star a bere del whisky al Roxy Bar". Si trattava della famosissima canzone "Vita spericolata" (inserita nell'album "Bollicine") che citava il bar di Via Rizzoli 9 a Bologna, che era nel tempo diventato un luogo culto della città e ritrovo dei fan del cantante 62enne.
Il titolare del locale, Salvatore Giovinazzo, notevolmente amareggiato per la decisione ha spiegato che le ragioni che lo hanno spinto alla chiusura sono di natura prettamente economica e che, nonostante parecchi tentativi, si sia ritrovato schiacciato dagli elevati costi di gestione che lo hanno portato a gettare la spugna. Giovinazzo, che aveva rilevato il bar nel 2012 dopo il ritiro di tre soci nel 2010, in un'intervista rilasciata al quotidiano "Resto del Carlino" ha dichiarato: «Ci sono gli affitti troppo alti, le tasse comunali, le spese per i dipendenti. È una decisione che ho preso a malincuore, visti i sacrifici che ho fatto due anni fa per comprarlo, ma ho constatato che adesso non ce la faccio più. Ho fatto due conti con il commercialista e non ho scelta. Ringrazio i ragazzi che hanno lavorato con me e tutti i clienti che ho servito, ma chiudo».La notizia lascia l'amaro in bocca alla città di Bologna, che aveva inserito il bar anche nelle guide turistiche, e ai fan di Vasco che da tutta Italia accorrevano per visitare lo storico locale, magari soltanto per scrivere il proprio nome su un muro già stracolmo di firme e di parole tratte dai più celebri brani del cantante di Zocca.