WEB RADIO

RMC New Classics
 
Music Star Zucchero
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Giorgia
 
RMC Hits
 
MC2
 
Xmas Radio
 
Radio Festival
 
RMC Great Artists
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Kay Kay
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Italia
 
RMC Marine
 
Music Star Coldplay
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Love Songs
 
RMC 80
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Duets
 
RMC 90
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Tiziano Ferro
 
rmc
 

Lily Allen attacca le colleghe

Lily Allen attacca le colleghe
Lily Allen attacca le colleghe prendendosi gioco di Katy Perry, Lorde, Rihanna e Beyoncé nel nuovo singolo “Sheezus” All'attacco. Lily Allen va all'attacco con il nuovo singolo “Sheezus” e ancora una volta testo e video della canzone sono destinati a far discutere. La cantante londinese infatti si prende gioco delle colleghe popstar Katy Perry, Rihanna, Beyoncé, Lady Gaga e anche dell'ultima arrivata Lorde nel suo nuovo brano. L'autrice di “Smile” prende in giro le colleghe reclamando per sé la corona di regina della musica pop e diventando “Sheezus”. In particolare colpiscono le parole di Lily Allen nei confronti di Lorde, che secondo la Allen finirà per “massacrare” chiunque si metta sulla sua strada, mentre definisce Lady Gaga una martire del mondo della musica pop. Nel ritornello del brano, Lily Allen canta: “Ri-ri (Rihanna) non ha paura del ruggito di Katy Perry, Queen B (Beyoncé) ritorna al disegno, mentre Lorde annusa l'odore del sangue, lei sta per massacrarti, alla ragazza non importa niente visto che è solo al debutto. Siamo tutti a guardare Lady Gaga che muore per l'arte e diventa unamartire. Ora datemi quella corona, io voglio essere Sheezus”. Il brano fa da title track all'album in uscita il 5 maggio. Il video. Anche il video è destinato a far discutere con una Lily Allen in versione metà dark metà cartoon in grado di ironizzare sulla sua figura di aspirante popstar. Se nei giorni scorsi la cantante aveva paura di far arrabbiare Kanye West e il suo “Yeezus”, spiegando di intendere il suo titolo come una sorta di tributo, adesso dovrà sicuramente attendersi la risposta non proprio entusiasta delle colleghe chiamate in causa