Gary Barlow inviò foto sexy per attirare l'attenzione dei discografici

Gary Barlow inviò foto sexy per attirare l'attenzione dei discografici

Gary Barlow ha raccontato di aver inviato foto sexy per attirare l'attenzione di alcuni produttori discografici agli inizi della sua carriera
Gary Barlow confessa che, agli inizi della sua carriera, l'ossessione di diventare un cantante di successo era talmente forte tanto da spingerlo a  inviare delle foto in pose sexy ad alcuni manager di case discografiche al fine di ottenere un contratto. Pare che i suoi sforzi abbiano sortito l'effetto desiderato poiché da lì a poco, Gary venne chiamato da Nigel Martin-Smith, che gli propose di unirsi ai Take That nel 1990.
Così, nel corso del documentario  "When Corden Met Barlow", andato in onda su BBC One, è stato chiesto al musicista di confrontarsi con le sue foto imbarazzanti e Gary ha spiegato: «È vero, ho inviato un nastro e parecchie foto ad alcuni manager». Nigel Martin Smith ha affermato: «Questa è quella che è arrivata in ufficio. Guardala! Come potevo rifiutare? Sembrava Annie Lennox, ma sapevo di come lui potesse risultare molto più sexy». Il produttore ha anche svelato alcuni particolari sulla formazione dei Take That - di cui fanno parte anche Mark Owen, Howard Donald, Jason Orange e Robbie Williams - raccontando che la band prima dell'arrivo di Gary stava per prendere una direzione diversa poiché l'idea iniziale era quella di assegnare a Mark il ruolo di cantante principale. Ma a vincere il 'duello' fu Gary, che dimostrò ampiamente le sue doti vocali e le sue abilità da cantautore. Nigel ha dichiarato: «Se Gary non si fosse unito, i Take That sarebbero stati qualcosa di completamente diverso».

Now on air