WEB RADIO

MC2
 
Music Star Pino Daniele
 
Xmas Radio
 
RMC 80
 
RMC Love Songs
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Great Artists
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC 90
 
RMC Italia
 
Radio Festival
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Bau & Co
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Coldplay
 
Music Star Jovanotti
 
Music Star Zucchero
 
RMC Duets
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Giorgia
 
RMC Marine
 
RMC New Classics
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Hits
 
rmc
 

Prince dice basta alle parolacce

Prince dice basta alle parolacce
Prince dice basta alle parolacce La decisione. Forse con l'età si diventa più saggi o maturi e anche la voglia di provocare diminuisce. Potrebbe essere questo il caso di Prince, che ha rivelato di voler smettere di usare parole forti nelle sue canzoni. In passato il cantante ne aveva usate per i suoi testi, basti pensare a canzoni come “Pussy control” o “Erotic city”, ma negli album più recenti il suo registro verbale è cambiato completamente. Parlando al magazine Essence delle “ospiti” nelle sue recenti canzoni, Prince ha dichiarato: «Marsha Ambrosius, Lianne Le Havas e Janelle Monae sono tutte come sorelle per me. Perché mai dovrei dire loro delle parolacce? Dobbiamo cominciare a trattare gli altri, tutte le persone, come fossero appartenenti a una famiglia reale. Hai mai sentito Mohammed Alì dire delle parolacce o bestemmiare? Lo faresti di fronte ai tuoi figli o a tua madre?». Attacco alle major. Niente più parolacce, dunque, ma stessa grinta per Prince che ha approfittato dell’occasione anche per scagliarsi contro le major, nonostante abbia appena firmato un contratto con la Warner Music per pubblicare degli inediti e per un'edizione speciale in occasione del 30esimo anniversario di “Purple rain”: «Ogni volta che parli con uno di questi pezzi grossi dell'industria discografica, soprattutto quelli delle compagnie più grandi, questi sono sempre al mare. A metà del pomeriggio li chiami e loro ti dicono che sono al mare con i figli. Quindi noi stiamo lavorando per mandare i loro figli al college e al mare. Ed è una cosa che non è accettabile».