Britney Spears a Las Vegas fino al 2016

Britney Spears a Las Vegas fino al 2016

Britney Spears a Las Vegas fino al 2016: le sono stati offerti 12 milioni di dollari per un’altra stagione al Caesars Palace Si potrebbe prolungare la stagione di show di Britney Spears a Las Vegas. La cantante 32enne, infatti, avrebbe ricevuto una nuova proposta multimilionaria per proseguire i suoi concerti al Planet Hollywood del Caesars Palace, celebre hotel-casinò della città del Nevada, almeno secondo quanto sostiene il New York Daily News. Secondo quanto scrive il quotidiano, infatti, i manager del celebre albergo vorrebbero che Britney Spears continuasse a tenere spettacoli fino al Natale del 2016. La rivelazione è arrivata dai piani alti del Caesars Palace, in particolare dal presidente Gary Selener che ha rivelato: «Britney Spears è stata un grandissimo successo per la nostra azienda e vogliamo che il suo show si prolunghi, sempre che lei voglia farlo e non vedo motivi per cui non possa non volerlo.. È riuscita a riempire la sala ogni sera e credo che anche lei si sia molto divertita in quel contesto. È  anche stata in grado di far coincidere i suoi impegni di lavoro con quelli personali». Scommessa vinta. Selener ha ammesso di essersi assunto un bel rischio quando ha deciso di ingaggiare Britney Spears. Il pubblico ha dimostrato un grande amore nei suoi confronti: «Semplicemente non sapevamo quello che sarebbe accaduto. Ma i fan hanno dimostrato un grande affetto nei suoi confronti, sono arrivati ammiratori da tante parti del mondo e le hanno dimostrato un sostegno unico. Qui credo che si sia trovata molto bene e non vedo perché non dovrebbe rimanere”. La popstar ha firmato un accordo da 30 milioni di dollari per due anni nello scorso dicembre e ora fa parte di un gruppo ristretto di artisti che lavorano in base ad accordi a lungo termine a Las Vegas. Tra loro Elton John, Celine Dion e Rod Stewart. Secondo il Daily News il nuovo accordo prevede l'estensione del contratto per un altro anno per una somma che si aggira intorno ai 12 milioni di dollari.

Now on air