Quando il restauro è di cattivo gusto: ecco la statua romanica rovinata

Quando il restauro è di cattivo gusto: la statua romanica è rovinata

Una donna ha restaurato l’opera con colori fluo destando ilarità e sconcerto. «È pazzesco» ha commentato il precedente restauratore.

Le opere d’arte sono per loro definizione intramontabili ed eterne. Non deve essere dello stesso parere Maria Luisa Menendez, una parrocchiana di El Ranadoiro, minuscolo paesino spagnolo nelle Asturie, che si è offerta di restaurare una statua romanica raffigurante il Bambin Gesù, la Vergine e San Pietro chiamata “Ecce homo”. La donna, col consenso della parrocchia che custodisce l’opera, ha praticamente rovinato la statua lignea pitturandola con colori accesi e snaturando completamente la sua natura.

Luis Suarez Saro, il restauratore che aveva già riparato l’opera nel 2002, ha affermato: «È pazzesco» mentre in tutto il Paese le foto del nuovo “Ecce homo” sono diventate virali suscitando ilarità e sconcerto. «Non sono un professionista del settore ma mi è sempre piaciuto farlo e le figure avevano davvero bisogno di essere dipinte» ha detto la Menendez a sua discolpa, «Le ho dipinte come potevo, con i colori che mi sembravano buoni e che ai presenti piacevano».

Nel frattempo la statua sta attirando numerosi curiosi nella parrocchia di El Ranadoiro. Di sicuro il nuovo restauro ha rovinato la statua ma forse la trovata è servita come inconsapevole operazione di marketing.

Now on air