Spiagge in città: in estate sono tante le metropoli che si “inventano” il loro lido

Spiagge in città: in estate sono tante le metropoli che si “inventano” il loro lido

Da Roma a Firenze passando per Parigi e Londra, le grandi città si aggiornano con lidi metropolitani

Negli ultimi giorni, tra i casi di cronaca, ha tenuto banco l’apertura dello stabilimento balneare Tiberis: si tratta di un lido che ha aperto a Roma sulle rive del Tevere e che rimarrà in funzione per tutta la stagione estiva. Così i romani che non vorranno spostarsi sui litorali laziali potranno “scendere in spiaggia” direttamente in città.

Non si tratta di un caso isolato: in estate sempre più città metropolitane si “inventano” il loro lido e si aggiornano con stabilimenti balneari, sabbia, campi da beach volley e così via. Anche a Firenze, sulle rive dell’Arno, accade una cosa simile, per non parlare delle grandi capitali europee come Parigi,Berlino e Londra che sfruttano i loro fiumi per offrire ai cittadini un’esperienza quanto meno originale.

Il primo in ordine di tempo a sperimentare il lido metropolitano è stato il sindaco di Parigi Bertrand Delanoë nel 2002, quando sulle rive della Senna apparvero ombrelloni, sabbia, kayak e aree pic nic. E così Berlino ha seguito l’esempio con il WannSee, l’isola artificiale più imponente d’Europa, mentre Vienna ha lanciato il Copa Beach sul Danubio, 21 chilometri di spiaggia con palme, locali notturni.

Se vi trovate in vacanza a Londra non perdetevi il Royal Victoria Beach o il Queen Elizabeth Olympic Park: potrete degustare un cocktail o fare un giro sul paddleboard a bordo fiume.

Now on air