In Bulgaria una mucca è stata condannata a morte

In Bulgaria una mucca è stata condannata a morte per... aver attraversato il confine!

L’animale ha illegalmente attraversato il confine con la Serbia per poi tornare nel Paese UE: partita la petizione online per salvarla.

Nel piccolo paesino di Kopilovtsi, in Bulgaria, una mucca è stata condannata a morte. Il motivo? Durante il suo pascolo ha illegalmente attraversato il confine con la Serbia, paese non appartenente alla Comunità Europea, per poi tornare in Bulgaria dove necessiterebbe di un regolare certificato sanitario.

Il fatto ha scatenato un’ondata di polemiche soprattutto per la ferrea attuazione della legge comunitaria sugli allevamenti e sui social è partito l'hashtag #savepenka. La mucca Penka, questo il suo nome, appartiene all’allevatore bulgaro Ivan Haralampiev: in una delle solite giornate la mucca, durante il suo pascolo quotidiano, si è allontanata più del solito percorrendo circa 15 chilometri e attraversando così il confine tra Bulgaria e Serbia. L’animale è stato quindi restituito al proprietario ma le autorità bulgare hanno comunicato all’allevatore che la mucca dovrà essere abbattuta in quanto è entrata in un Paese dell’Unione Europea (la Bulgaria) da un Paese terzo (la Serbia) e soprattutto senza regolare certificato sanitario. Si tratta quindi di un evidente vizio di forma visto che Penka apparteneva già a un Paese dell’UE, la Bulgaria appunto. «La mucca ha varcato la frontiera, attraversato la barriera di Oltomantsi ma né i poliziotti né i doganieri l’hanno fermata, così è entrata in Serbia» ha spiegato Haralampiev .

Per tentare di salvare la mucca Penka, attualmente in quarantena, è partita una mobilitazione generale che ha prodotto una petizione online su change.org: «Salviamo la mucca Penka dalla macellazione». Tra i firmatari che chiedono giustizia per la mucca bulgara è sceso in campo anche la star Paul McCartney: «Sarebbe davvero magnifico vedere che non si arrivi all’esecuzione della pena per questa mucca incinta» ha scritto il cantautore. Penka infatti è incinta di 3 mesi di un vitellino. Nel frattempo un portavoce della Commissione Europea ha tentato di placare gli animi: «Penka è in Bulgaria, attende che le autorità bulgare verifichino, mediante test, che sia pienamente in salute».

Now on air