Volete vivere in eterno? Basta pagare 10mila dollari

Volete vivere in eterno? Basta pagare 10mila dollari

Ibernare il cervello per vivere in eterno: questa è la scommessa di una startup che cerca investitori.

Qualche tempo fa i Queen cantavano “Who wants to live forever”, oggi sembra che qualcuno riesca addirittura ad esaudire questa richiesta, o quasi... basta pagare 10mila dollari. La Nectcome, startup fondata da due ex studenti del MIT di Boston, sostiene infatti di poter ibernare il cervello umano dopo un processo di eutanasia, in tal modo si potrebbe tenerlo in vita, più o meno, per sempre.

Secondo i due ideatori, Nectcome è in grado di conservare un cervello umano attraverso un processo di trasformazione in vetro ghiacciato, senza danneggiare i “dati” raccolti al suo interno, ovvero le memorie della persona. Per rendere possibile questo prodigio della scienza è necessario che tale processo avvenga nel momento esatto della morte, altrimenti l’organo potrebbe danneggiarsi irreparabilmente. Si tratterebbe in sintesi di praticare l’eutanasia nei pazienti terminali per poter così conservare in eterno tutte le memorie del defunto.

Nectcome è attualmente in fase di test e, come campagna marketing, ha deciso di creare una lista d’attesa dove ci si può iscrivere per 10mila dollari, che verranno eventualmente risarciti qualora il cliente cambi idea. Finora ci sono già 25 persone che hanno fatto richiesta, tra questi Sam Altman, 32 anni, numero uno di Y Combinator, startup accelerator della Silicon Valley alla quale Nectcome presenterà il suo progetto per cercare fondi e investitori. Altman ha affermato che in futuro le menti potranno essere digitalizzate: «Presumo che la mia mente sarà uplodata nel cloud» ha detto, ma non vi è attualmente alcuna prova scientifica a supporto di questa tesi.

Non ultimo vi è il discorso legale ed etico, sul quale i fondatori di Nectcome stanno lavorando: in California ad esempio l’eutanasia è legale, questo significherebbe per la nuova azienda potenziali clienti da poter testare, ma la faccenda è molto più complicata e spinosa.

Now on air