WEB RADIO

Music Star Tiziano Ferro
 
Xmas Radio
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
Monte Carlo Nights Story
 
rmc
 
RMC 90
 
RMC Love Songs
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Duets
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Giorgia
 
RMC Great Artists
 
RMC Hits
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Coldplay
 
RMC Italia
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Festival
 
RMC Marine
 
RMC New Classics
 
Radio Kay Kay
 
RMC 80
 

Lorde stanca di “Royals”

Lorde stanca di “Royals”
Lorde considera “Royals”, il singolo che l'ha resa famosa in tutto il mondo, «disastroso e terribile» Capita spesso nel mondo della musica che cantanti e cantautori si scaglino contro le canzoni che li hanno portati alla ribalta. Anche la giovanissima Lorde sembra rientrare nella schiera degli artisti che non sopportano più alcuni loro brani. La 17enne cantante neozelandese, infatti, ha rivelato di non essere una grande amante del suo “Royals", la hit che le ha permesso di diventare famosa in tutto il mondo. Lorde ha rivelato al giornale inglese Daily Record che il fatto di ascoltare le cover di quella canzone realizzate da altri musicisti o anche da gente comune in versione acustica di fronte a una webcam l'ha portata a riconsiderare il brano e la sua composizione, definendolo «disastroso e terribile». «Ascolto le persone che fanno le cover della mia canzone – ha dichiarato Lorde - e cercano di metterci qualcosa di originale mentre lo fanno. Ho ascoltato questo brano in tutte le versioni possibili e devo dire che suona in maniera davvero orribile. Sembra una suoneria di un telefono Nokia del 2006. Nessuna delle melodie è bella». L'analisi. «Credo che sia addirittura disastrosa – ha continua Lorde – E’ terribile, ma forse nel contesto in cui l'ho pubblicata ha funzionato». Nonostante le critiche della sua stessa autrice, “Royals” ha avuto un successo clamoroso di fan e critica, al punto da conquistare un Grammy e più recentemente anche il Billboard Music Award per la migliore canzone rock. La neozelandese, dopo la fama conquistata quest'anno, non sembra spaventata dal futuro: «Se il prossimo disco che farò non avrà lo stesso successo, non penso che ne farò un dramma. Posso gestirlo, l'importante è che mi piaccia il materiale che realizzerò».