Il cioccolato di Modica chiede di essere protetto

Il cioccolato di Modica chiede di essere protetto

E' un cioccolato unico e molto amato, quello di Modica. Che adesso chiede il riconoscimento IGP per essere protetto in tutta Europa

E' un cioccolato unico al mondo, dalla lunga storia, e il suo metodo di produzione è davvero simile a quello degli antichi Aztechi. E' il cioccolato di Modica, pregiata specialità di cioccolato non concato (procedimento che prevede rimescolamento ad alte temperature e riposo, alternati per molte volte di seguito), senza lecitina di soia, fatto solo da massa di cacao e dunque non già semilavorato, zuccherato o addizionato con additivi.

Il procedimento di lavorazione è delicato, complesso e artigianale. Il prodotto finale è un vero capolavoro goloso. Adesso i produttori di questa delizia hanno chiesto alle autorità europee il riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta (IGP), per tutelare al massimo e internazionalmente la sua specificità. 

Il valore storico e dolciario del cioccolato di Modica è testimoniato anche dal Museo del Cioccolato di Modica, dove si conservano gli strumenti più antichi e si organizzano dimostrazioni ed eventi. Proprio il 10 ottobre il Principe Alberto di Monaco ha visitato il Museo, e si deve anzi al ramo cadetto della famiglia Grimaldi, che si era stabilito in tempi antichi a Modica, la prima certificazione del cioccolato tipico della città. Dagli archivi Grimaldi è infatti emerso che i primi prodotti con cioccolato di Modica sono stati creati nel 1747.

Now on air