WEB RADIO

Monte Carlo Nights Story
 
RMC 80
 
rmc
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Coldplay
 
RMC Italia
 
RMC 90
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Music Star Giorgia
 
RMC New Classics
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Love Songs
 
MC2
 
Music Star Pino Daniele
 
Radio Bau & Co
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Zucchero
 
RMC Hits
 
RMC Duets
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Festival
 
RMC Great Artists
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Marine
 

Carla Fendi: scompare una grande signora della moda italiana

Carla Fendi è scomparsa il 19 giugno. Con le sue sorelle, aveva creato il mito Fendi e aveva promosso l'arte e l'artigianato. scopri le sue commoventi parole sul valore della bellezza

Carla Fendi: scompare una grande signora della moda italiana

Carla Fendi: scompare una grande signora della moda italiana

Carla Fendi è scomparsa a Roma il 19 giugno, dopo una lunga malattia. Aveva 80 anni. Con le sue sorelle Paola, Anna, Franca e Alda, aveva creato il mito Fendi. Moda nel nome del made in Italy, apprezzata e amata in tutto il mondo. «Siamo come le cinque dita di una mano, diceva sempre nostra madre, ognuna ha la sua funzione”, amava ripetere Carla, per far capire come era stata l'unione della creatività e delle abilità delle cinque sorelle Fendi a dar vita a una maison di moda nota internazionalmente.

Carla si era principalmente dedicata alle pubbliche relazioni e al mercato americano. Aveva anche dato vita alla Fondazione Carla Fendi, per tutelare il patrimonio artistico e culturale italiano, sostenendo, tra gli altri, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, l'Accademia nazionale di Santa Cecilia, il Teatro Caio Melisso a Spoleto. 

«Credo molto all’importanza e al valore della bellezza come cultura e formazione», aveva dichiarato Carla Fendi tempo fa, parlando della sua "missione" «nella mia esperienza di vita e di lavoro mi sono nutrita di bellezze estetiche, come costume ed evoluzione del sociale. Poi, questo rispetto per il bello l’ho dedicato alle bellezze artistiche che ci circondano: il bello come cultura e la cultura come linfa vitale. E come felicità, perché solleva lo spirito, è ossigeno in un mondo che ci travolge quotidianamente. Questo è il mio credo, e in questo metto tutte le mie energie».