WEB RADIO

Xmas Radio
 
RMC Marine
 
Music Star Zucchero
 
RMC Duets
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC New Classics
 
RMC 90
 
Romantic Rock
 
Music Star Giorgia
 
RMC Love Songs
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Coldplay
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Kay Kay
 
Monte Carlo Nights Story
 
rmc
 
RMC Hits
 
RMC Italia
 
RMC 80
 
MC2
 
Radio Bau & Co
 
Radio Festival
 
RMC Great Artists
 

Legge sul cyberbullismo, finalmente è realtà. Ecco cosa prevede

È stata approvata all’unanimità alla Camera e permetterà di difendere i minori dagli abusi online.

Legge sul cyberbullismo, finalmente è realtà. Ecco cosa prevede

Ci è voluto del tempo, ma è finalmente arrivata in Italia la legge sul cyberbullismo, che intende contrastare un fenomeno che coinvolge il 6% degli adolescenti. Il provvedimento è stato approvato alla Camera all’unanimità ed è stato scritto dall’ex insegnante di musica di Carolina Picchio, prima vittima di cyberbullismo accertata nel nostro paese, che si suicidò all’età di soli 14 anni.

Ecco cosa prevede la legge. Innanzitutto definisce il pericolo, spiegando che con l’espressione cyberbullismo si intende "Qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d'identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni realizzata per via telematica." Si parla soltanto di minorenni in quanto Facebook e gli altri “grandi” della rete si sono detti disposti a collaborare, ovvero a rimuovere il materiale incriminato, solo per quella fascia d’età.

Una volta pervenuta la richiesta al social network, i contenuti offensivi dovranno sparire entro 48 ore, agire in fretta è importante: sappiamo bene che a volte basta davvero poco, nel web, per rendere virale una foto o un video. Il social coinvolto avrà 24 ore di tempo per recepire la richiesta ed altre 24 per rimuovere il materiale incriminato. Se ciò non avviene ci si potrà rivolgere al garante.

Una volta individuato il soggetto, o i soggetti, che hanno diffuso i contenuti offensivi, questi se minorenni, saranno ammoniti dalla Polizia, se maggiorenni invece andranno incontro a rischi ben maggiori.

Infine la legge prevede anche di rafforzare il ruolo della scuola nella prevenzione, proponendo corsi di formazione agli insegnanti ed assegnando un ruolo specifico ad un docente.