WEB RADIO

Xmas Radio
 
RMC Marine
 
RMC Duets
 
Radio Kay Kay
 
RMC Great Artists
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Coldplay
 
Monte Carlo Nights Story
 
Radio Bau & Co
 
RMC Love Songs
 
rmc
 
RMC Italia
 
Music Star Zucchero
 
MC2
 
RMC New Classics
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC 90
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC 80
 
Music Star Jovanotti
 
Music Star Giorgia
 
RMC Hits
 
Radio Festival
 
Music Star Tiziano Ferro
 

Lana Del Rey boccia il femminismo

Lana Del Rey boccia il femminismo
Lana Del Rey boccia il femminismo. Si tratta di un tema che non le interessa In un’intervista al magazine Fader, Lana Del Rey ha parlato del femminismo come di un tema che le interessa poco. «Per me quello del femminismo è semplicemente un concetto non interessante – ha detto la cantante di “Ultraviolence” -, quando le persone tirano fuori l'argomento, è una cosa che a me semplicemente non interessa, per niente. Se devo dire la verità sono appassionata di altre cose, di scienza o di quello che succede nello spazio intergalattico». Ma, nonostante l'argomento non le interessi, nella stessa intervista Lana Del Rey finisce per dare la sua definizione di femminismo: «La mia idea di un vero femminismo è una donna che si sente libera di fare qualsiasi cosa voglia». La malattia. Nel corso della lunga chiacchierata, Lana Del Rey rivela di aver fatto i conti anche con una malattia sconosciuta: «Sono stata malata, ma per circa due anni sono andata lo stesso in tour. C'era questa anomalia medica che gli stessi specialisti non riuscivano a capire. È  stata una parte importante della mia vita, visto che stavo davvero male e nessuno mi diceva quello che mi stava succedendo. È  stato un momento strano, dal momento che ti ritrovi a suonare per persone che ci tengono veramente a te mentre forse tu non fai lo stesso. Credo di essermi ritrovata in una situazione molto triste». Lana Del Rey pubblicherà il suo album “Ultraviolence” il prossimo 17 giugno: nell’album il tema della tristezza sembra trasparire in maniera evidente, almeno a giudicare dalla tracklist che presenta brani intitolati “Cruel world”, “Sad girl” e “Pretty when you cry”.