WEB RADIO

Xmas Radio
 
MC2
 
Radio Kay Kay
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Hits
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Love Songs
 
RMC 90
 
rmc
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Giorgia
 
Radio Festival
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Bau & Co
 
RMC Duets
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Italia
 
RMC 80
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Coldplay
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Marine
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC New Classics
 
RMC Great Artists
 

La Norvegia spegne la radio: addio alla frequenza FM

Elevati costi di mantenimento e condizioni non favorevoli alla trasmissione del segnale: la Norvegia passa dall’FM al digitale.

La Norvegia spegne la radio: addio alla frequenza FM

Ascoltare la radio è la quotidianità di molti. È un’abitudine, un gesto che ci accompagna quando siamo in macchina e nei momenti di puro relax. E c’è anche chi la ascolta quando si dedica allo studio o al lavoro. Insomma, la radio rientra a pieno titolo nelle nostre vite. Finora il canale di trasmissione radiofonica maggiormente sfruttato in tutto il mondo è stato il canale FM. La Norvegia però ha adottato, proprio quest’anno, un cambiamento radicale: ha detto addio alla frequenza radiofonica FM per passare a quella digitale. Il provvedimento è entrato in vigore l’11 gennaio 2017 e pare non abbia lasciato contenti i cittadini, anche perché non tutti sono dotati di un ricevitore digitale. Chi non ce l'ha dovrà necessariamente acquistarlo.

Eppure lo stato norvegese ha dato delle motivazioni che giustificano un cambiamento così rivoluzionario. La decisione di abolire il canale FM è stata dettata da diverse condizioni: i costi elevati di mantenimento degli impianti, la conformazione del territorio norvegese nonché la distribuzione della popolazione.

Cosa c’entrano questi fattori? C’entrano. La trasmissione del canale nel territorio norvegese, infatti, incontra ostacoli fisici rappresentati dalle modificazioni altimetriche repentine, giacché a zone pianeggianti si alternano altre che superano anche i 200 metri di altezza.

Inoltre la densità di popolazione non rende vantaggiosa la trasmissione del canale FM: poiché gran parte della popolazione vive in villaggi pressoché isolati, il segnale per loro non è di una qualità sufficientemente buona. Senza contare i costi di mantenimento del segnale analogico che, a detta del Ministro dei beni culturali, sarebbero troppo elevati.

I norvegesi insomma, a malincuore dovranno adattarsi ai cambiamenti che il progresso vuole, lasciando la tanto amata radio FM. Voi cosa ne pensate?