WEB RADIO

RMC Hits
 
RMC Great Artists
 
Radio Festival
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Coldplay
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Duets
 
Radio Bau & Co
 
RMC Marine
 
MC2
 
RMC Italia
 
Music Star Pino Daniele
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Giorgia
 
RMC 80
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC New Classics
 
RMC 90
 
Xmas Radio
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Love Songs
 
rmc
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 

Lorde pensa al nuovo album

Lorde pensa al nuovo album
Lorde pensa al nuovo album e annuncia: «Il prossimo disco sarà totalmente differente» Lorde guarda già al futuro. La cantante 17enne che quest'anno ha fatto breccia nel mondo dell'industria musicale con lo straordinario successo del suo album di esordio “Pure heroine”, è già proiettata sul suo secondo disco. Del resto è risaputo che il secondo album è sempre quello più difficile per un artista: molti critici e detrattori aspettano al varco Lorde augurandosi un suo passo falso. Ma l'artista neozelandese ha deciso di giocare d'anticipo e ha già detto che il prossimo disco, su cui sta già lavorando, sarà totalmente differente rispetto al precedente. Lorde ha anche sostenuto di essere cresciuta moltissimo sia come artista che come scrittrice. «Penso di aver imparato moltissimo in questo periodo, di aver aumentato le mie capacità da autrice. Credo che ci siano stati davvero dei miglioramenti incredibili – ha rivelato nel corso di un'intervista con la BBC –. In questo momento mi sono messa al lavoro sul nuovo materiale anche se non a tempo pieno. Sicuramente mi trovo ancora all'inizio del percorso, ma posso già dire che è musica completamente diversa rispetto al passato». Il successo. A modificare il lavoro dell'adolescente che ha emozionato il mondo della musica pop è stato anche il successo. Dalla Nuova Zelanda ai palchi di tutto il mondo è cambiata la prospettiva con cui si guardano le cose: «Ho scritto il mio primo disco sul mondo in cui vivevo, quello che conoscevo e cioè la periferia dove sono cresciuta, popolata dai miei amici e dalle persone che mi erano familiari. Ora sono in un posto diverso ogni giorno, conosco persone diverse e ovviamente anche la ‘vibrazione’ che mi porta a scrivere è cambiata completamente».