WEB RADIO

Music Star Tiziano Ferro
 
RMC New Classics
 
RMC 80
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Giorgia
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Jovanotti
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Monte Carlo FM
 
Radio Festival
 
RMC Hits
 
RMC Italia
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Love Songs
 
Music Star Zucchero
 
MC2
 
rmc
 
RMC 90
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Marine
 
Music Star Coldplay
 
Xmas Radio
 
RMC Duets
 
RMC Great Artists
 
Radio Kay Kay
 

Le Maldive sono un paradiso? Sì, peccato per il tasso di divorzi!

Alla domanda “Dove vorresti andare in viaggio di nozze?” molte coppie rispondono proponendo località esotiche, prima tra tutte le Maldive.

Le Maldive sono un paradiso? Sì, peccato per il tasso di divorzi!

Eppure questo posto paradisiaco, forse, non sia addice poi così tanto a una coppia di novelli sposi - o almeno non se si è scaramantici - se si pensa che gli splendidi isolotti dell’Oceano Indiano detengono un record tutt’altro che romantico: le Maldive sono infatti lo Stato con il maggior tasso di divorzi.

L’Onu ha stimato che, in media, una donna delle Maldive ha ben 3 divorzi alle spalle prima dei 30 anni: un dato sconcertante. C’è chi ritiene che a influire su una tale situazione vi sia la giovane età in cui vengono contratti i matrimoni, dal momento che vigono regole musulmane.

Il Telegraph ha stilato una classifica degli stati con il maggior tasso di matrimoni. Se in cima alla lista ci sono appunto le Maldive, seguono la Russia al secondo posto e gli Stati Uniti al terzo. Compaiono poi anche Belgio, Svizzera, Danimarca e Portogallo, che rappresentano così gli Stati europei che tendono a divorziare di più

Sono i Paesi cattolici quelli in cui, invece, il tasso di divorzio è più basso. Qualche esempio? Cile, Colombia o Irlanda. Ma anche gli Stati con maggioranza musulmana hanno un basso tasso di divorzio e questo probabilmente andrebbe a screditare l’ipotesi secondo cui sia la religione e far sì che nelle Maldive si divorzi così tanto.

Concentrandoci invece sulla nostra penisola, la situazione non è delle migliori. Secondo l’Istat, nell’arco di un ventennio sono raddoppiate le unioni interrotte dopo sette anni di matrimonio. Nel 1985 infatti queste si attestavano al 4,5% mentre hanno raggiunto una percentuale del 9,3% nel 2005. E sono soprattutto le coppie religiose quelle che sopravvivono di più alla crisi del settimo anno.

Ritornando al Paese con il più alto tasso di divorzi, gli scaramantici che non vogliono rinunciare al sogno delle Maldive per il loro viaggio di nozze possono dare un’interpretazione personale della cosa, ritenendo che l’alto tasso riguardi esclusivamente gli abitanti del posto e dunque non sia un cattivo auspicio per i turisti!