WEB RADIO

RMC Italia
 
RMC Hits
 
RMC New Classics
 
RMC Love Songs
 
Music Star Jovanotti
 
RMC 90
 
Music Star Coldplay
 
rmc
 
MC2
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Giorgia
 
Xmas Radio
 
RMC Great Artists
 
RMC Duets
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Bau & Co
 
RMC 80
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Zucchero
 
Radio Festival
 
Radio Kay Kay
 
RMC Marine
 
Radio Monte Carlo FM
 

La Francia dice addio alle posate di plastica: ecco perché!

Una misura rientrante in un più ampio disegno di legge a tutela dell’ambiente: in Francia, dopo i sacchetti, si vietano anche le stoviglie in plastica.

La Francia dice addio alle posate di plastica: ecco perché!

Pratiche son pratiche e, diciamo la verità, ci fanno risparmiare un bel po' di tempo in cucina, ma la Francia ha detto no. Parliamo delle posate e dei bicchieri in plastica. Il mese scorso, infatti, è entrato in vigore un disegno di legge, Transizione energetica per una crescita verde, presentato nel dicembre 2015 in occasione della Cop 21, conferenza sul clima di Parigi.

Un progetto di legge quello della Transizione energetica per una crescita verde, che mira a ridurre la spesa energetica francese e a combattere il riscaldamento globale, riducendo emissione di gas a effetto serra, il consumo di combustibili fossili e quello finale di energia, oltre che aumentando l’impiego di energie rinnovabili.  

In un’ottica di sostenibilità ambientale, dunque, è incluso, tra le misure da adottare, anche il divieto di impiego di stoviglie monouso in plastica. Non si potranno produrre, vendere e neppure concedere gratuitamente.

Altre misure, rientranti nel progetto di transizione verso l’Energia verde, erano già state adottate precedentemente, come ad esempio il divieto all’impiego dei sacchetti di plastica per la spesa, risalente allo scorso luglio.

Le nuove misure imposte dal governo francese, però, non sono piaciute alle aziende del settore: Pack2Go, che riunisce i produttori di imballaggi alimentari e dunque anche in plastica, ad esempio, si è chiaramente espressa contraria, chiedendo all’UE di difendere le norme sul libero movimento dei beni che, a loro avviso, sarebbero vietate dalle misure introdotte con la Transizione energetica per una crescita verde.

Vero è che, con l’introduzione delle nuove strategie in difesa dell’Ambiente, la Francia ridurrà in maniera drastica l’utilizzo della plastica che finora è stato piuttosto massiccio. Pensate che nello Stato francese, annualmente, vengono prodotti oltre quattro miliardi e mezzo di soli bicchieri n plastica. E il riciclo non compensa quasi affatto ad un tale consumo, giacché ad essere riciclati è una percentuale del solo 1%. Quanto ai sacchetti di plastica, facendo riferimento allo scorso anno, il 2015, i supermercati ne hanno utilizzati ben 17 miliardi.