WEB RADIO

Music Star Jovanotti
 
MC2
 
rmc
 
RMC 90
 
Music Star Zucchero
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Coldplay
 
RMC Love Songs
 
RMC Duets
 
Radio Festival
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC 80
 
RMC Italia
 
Music Star Giorgia
 
Radio Monte Carlo FM
 
Radio Bau & Co
 
RMC Hits
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Great Artists
 
RMC Marine
 
RMC New Classics
 

Occhio al virus trappola che sta girando tra i possessori di iPhone

Un messaggio da chi si spaccia per Apple. E vengono estorti i dati. Ecco l’avviso della polizia di Stato su Facebook.

Occhio al virus trappola che sta girando tra i possessori di iPhone

Il pericolo quando si parla di sicurezza dei propri dati personali è sempre in agguato. E vale anche per chi possiede un iPhone, probabilmente il dispositivo con il sistema operativo più sicuro. Eppure c’è chi è riuscito a trovare l’esca giusta per farsi fornire dati sensibili e personali. Come? Spacciandosi per Apple. La notizia è stata segnalata dalla Polizia di Stato sulla sua pagina Facebook, “Una vita da social” gestita dalla polizia. Con un post, con tanto di hashatag, le forze dell’ordine avvertono :

#OCCHIOALVIRUS: Alcuni utenti di iPhone stanno ricevendo messaggi il cui mittente si spaccia per il servizio di supporto Apple e chiede di condividere informazioni sensibili come username e password del proprio account Apple. Il pericolo arriva da un messaggio di testo che, fintamente, informa gli utenti che il loro account Apple sta per scadere, invitandoli a visitare un sito web per attivarne uno nuovo.”

Nulla di più facile per gli adescatori che senza troppa difficoltà si trovano, forniti direttamente dall’utente caduto nella trappola, i suoi dati personali. Se pensate che il pericolo si limiti ai soli dati che si hanno sul dispositivo Apple vi sbagliate. Il fine di chi ha ingegnato questo sistema è lucroso ovviamente: “I criminali entrano in possesso di login e password dei malcapitati, che poi usano sul sito ufficiale della Mela. – continua il post - E da questo hanno facile accesso alle informazioni personali dei clienti, che possono comprendere anche il numero del passaporto e i riferimenti della carta di credito. Questo tipo di frode online, che invita a cliccare su siti che sembrano autentici, come «AppleIDLogin.co.uk»  ma che in realtà sono pericolose esche, si chiama phishing. Apple specifica che non contatta mai i suoi consumatori con messaggi.”

Insomma, occhi bene aperti e ricordate che, in ogni caso, quando vi vengono chiesti dati personali da qualcuno che si presenta come una qualsiasi azienda o gestore di cui siete clienti, dovete fare molta attenzione!