WEB RADIO

RMC 80
 
Music Star Coldplay
 
RMC Marine
 
Xmas Radio
 
RMC New Classics
 
Radio Festival
 
RMC Hits
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Duets
 
RMC 90
 
RMC Great Artists
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Giorgia
 
Monte Carlo Nights Story
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Jovanotti
 
rmc
 
RMC Italia
 
RMC Love Songs
 
Music Star Zucchero
 

L'assassino di Cecil parla per la prima volta ai giornali

Ricordate Cecil, il leone simbolo dello Zimbabwe, ucciso da un cacciatore poche settimane fa? Ecco cosa dichiara l'uomo.

L'assassino di Cecil parla per la prima volta ai giornali

Se uccidi un animale, e la gente lo viene a sapere, è come se ti stessi travestendo da bersaglio mobile. Se l’animale in questione è Cecil, un maestoso leone di 13 anni, simbolo dello Zimbabwe, allora sei nei guai.

Questo è quello che è successo al dentista americano Walter Palmer, cacciatore sportivo. Un tipo da trofeo di caccia, insomma.

Per la prima volta dopo tutto il polverone che si è alzato, a colpi di tweet e post di indignazione, il dentista ha scelto di rilasciare un’intervista, realizzata dall'Associated Press insieme al Minneapolis Star Tribune. 

Il cacciatore afferma di non esser stato a conoscenza che il leone in questione fosse in un programma di protezione. In qualche modo non avrebbe mai ucciso un “leone famoso”.

"Sono consapevole di aver partecipato a un viaggio organizzato correttamente e nel pieno rispetto delle leggi, non avevo idea che il leone cui ho dato la caccia rientrasse in un programma di protezione, mi sono affidato alle guide professionali del territorio, ed esprimo al momento una profonda sofferenza per il mio gesto”.

Già, le guide sul territorio. Il cacciatore professionista Theo Bronkhorst, incarcerato per aver aiutato il sig.Palmer, è già stato rilasciato su cauzione, mentre Honest Ndlovu è stato multato per aver fatto entrare i cacciatori nel parco naturale, dal terreno adiacente di sua proprietà.

Walter Palmer racconta, inoltre, di come sia diventata difficile la sua vita sociale e professionale, dopo la battuta di caccia in Africa.

La sua clinica riaprirà, dopo che era stata chiusa perché divenuta bersaglio degli animalisti, e i suoi dipendenti torneranno finalmente a lavoro. Il dentista esprime rammarico per i suoi colleghi di lavoro, i quali hanno dovuto ingiustamente subire gli strascichi della vicenda, e per la famiglia, pesantemente offesa sui social network.

Non capisco tutta quest’umanità che dicono di avere persone che, in realtà, non si mostrano affatto umane". Questa la dichiarazione rilasciata dal dentista, che aggiunge di averci messo meno di 40 ore per finire il leone. Quindi, smentisce la notizia che era stata riportata da molti siti… bella mossa!

E tu, cosa ne pensi di questa vicenda?