WEB RADIO

RMC 90
 
Music Star Tiziano Ferro
 
rmc
 
Radio Bau & Co
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Festival
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Zucchero
 
RMC Duets
 
Music Star Giorgia
 
RMC Hits
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Coldplay
 
RMC Love Songs
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
RMC Marine
 
RMC Great Artists
 
RMC Italia
 
Music Star Jovanotti
 
RMC New Classics
 
Radio Monte Carlo FM
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC 80
 

Georgia Page: il rugby è uno sport per signorine

La giocatrice si rompe il naso durante uno scontro ma continua indomita a giocare. Ecco il video

Georgia Page: il rugby è uno sport per signorine

Georgia Page è diventata un’eroina e una celebrità del rugby femminile grazie a un video virale in cui ha mostrato tutto il suo coraggio e la sua passione per questo nobile sport. Dal canto suo la giocatrice ha dichiarato di aver fatto solamente quello che ogni sua compagna e collega avrebbe fatto in quella circostanza. Ma che cosa ha fatto Georgia di tanto particolare? La giovane australiana, che milita nella squadra americana di rugby a 7 della Lindonwood University, dopo essersi rotta il setto nasale a causa di un violento scontro con un’avversaria della squadra dei Notre Dame, ha continuato a giocare nonostante le ferite subite.

La dea della guerra del rugby

Come si vede dal video postato sulla pagina Facebook di Usa Seven Rugby, la Page, che è stata ribattezzata sui social network “La dea della guerra del rugby”, dopo essersi rialzata sulle proprie gambe non si è diretta verso la panchina per le cure mediche. No. La Page, con l’occhio sfigurato e con il sangue che scendeva copioso, ha continuato a giocare placcando ancora due avversarie fino a quando si è dovuta arrendere e farsi curare dai medici.

Un esempio di coraggio

Il gesto della Page, che ha incarnato alla perfezione lo spirito di chi gioca a rugby, non ha appassionato solo gli amanti di questa disciplina. In tantissimi si sono congratulati con la giocatrice per l’esempio di coraggio, determinazione e grinta espresso durante il match. Che molti calciatori, sportivi e in generale chiunque di noi debba prendere come modello il comportamento della giovane bionda australiana? Sull’onda emotiva di queste immagini è stato lanciato su Twitter l’hashtag #herrugbycounts per spingere i grandi network a trasmettere più partite di rugby femminile sul piccolo schermo.

L. Mottaran