Solange parla dell'incidente dell'ascensore

La sorella di Beyoncé affronta l'argomento in un'intervista

Solange parla dell'incidente dell'ascensore

La sorella di Beyoncé affronta l'argomento in un'intervista
Solange parla dell'incidente dell'ascensore nel corso di un'intervista al magazine Lucky Solange Knowles, sorella della più celebre Beyoncé, a distanza di qualche tempo dal clamoroso litigio che la vide protagonista mentre aggrediva il cognato Jay -Z (momento ripreso dalla telecamera di sicurezza di un ascensore di un hotel newyorkese), è tornata a parlare dell’accaduto e di quanto è successo dopo. A maggio un video, pubblicata sul celebre sito di gossip TMZ , mostrava Solange colpire Jay-Z con calci e pugni in un ascensore,  sotto lo sguardo di un bodyguard e di un'attonita  Beyoncé. A poco era valso il successivo comunicato della cantante di “Halo”, perché le nubi sulla vicenda non si sono affatto diradate. Adesso, in un’intervista al magazine Lucky, Solange ritorna sull’episodio riferendosi a “quella cosa”; evitando di soffermarsi sulla lite ha affermato che «quello che davvero conta è che io e la mia famiglia stiamo bene. Quello che dovevamo dire lo abbiamo detto con il comunicato diffuso allora e ora noi siamo tutti più sereni». Il mistero. Il mistero dell’ aggressione da parte della sorella minore di Beyoncé al celebre cognato è stato oggetto di indiscrezioni da parte di tutti i siti web. Prima si era parlato di una Solange in evidente stato di alterazione dovuta all'alcol. Poi si era detto che le sorelle Knowles avessero scoperto una relazione extraconiugale del rapper, e che per questo Beyoncé non avesse difeso il marito durante la lite. Fatto sta che il mistero intorno all'aggressione nell'ascensore dell'hotel rimane fitto e a poco è servito diffondere un comunicato stampa in cui affermava che «Jay e Solange si assumono le loro parti di responsabilità per quello che è successo. Entrambi conoscono il loro ruolo in questo problema privato che si è svolto in pubblico. Entrambi si sono scusati a vicenda e noi stiamo andando avanti come una famiglia unita».

Now on air