WEB RADIO

RMC Duets
 
MC2
 
Music Star Zucchero
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Coldplay
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC New Classics
 
RMC Hits
 
RMC 90
 
RMC 80
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Marine
 
RMC Love Songs
 
Music Star Giorgia
 
RMC Italia
 
rmc
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Pino Daniele
 
Radio Festival
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Great Artists
 

Taylor Swift: niente più autografi

Taylor Swift: niente più autografi

Taylor Swift parla dei cambiamenti della musica grazie alle nuove tecnologie

Taylor Swift: niente più autografi. Ora i fan vogliono solo le foto col cellulare I cambiamenti. La tecnologia ha portato anche a dei grandi cambiamenti nel rapporto tra i fan e la loro star preferita. E così capita che una delle pià grandi popstar del mondo rivela che non gli viene chiesto di firmare un autografo da anni. Taylor Swift ha infatti rivelato che ormai i fan che la incontrano non sono più interessati alla sua firma: “Alcune cose nel corso di questi anni sono diventate completamente obsolete – ha rivelato la cantante nel corso di un'intervista con il Wall Street Journal – una di queste sono gli autografi. Ormai non me ne chiedono più, dopo l'invenzione degli iPhone con la telecamere frontale. Negli ultimi tempi non mi ricordo neanche più a quanti selfie ho partecipato”. Tecnologia. Ma il rapporto con i fan è soltanto uno degli elementi ad essere cambiato con l'arrivo delle nuove tecnologie ed il mondo della musica si interroga su quali saranno gli scenari futuri. “Credo che le persone continuino a comprare dischi – ha rivelato Taylor Swift – solo che rispetto al passato ne comprano molto meno. Credo che quelli che vengono venduti in questo momenti sono quelli che riescono a colpire le persone come una freccia nel cuore, qualcosa che li fa sentire forti o che gli permette di non sentirsi solo. Credo che di questi tempi non è semplice avere un album multi-platino come succedeva fino a 20 anni fa. Ma questa difficoltà deve essere presa come una sfida per noi artisti e ci deve spingere a migliorare e ad essere più motivati”.