WEB RADIO

Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Great Artists
 
MC2
 
Music Star Zucchero
 
rmc
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Italia
 
RMC Duets
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC New Classics
 
Radio Bau & Co
 
RMC 80
 
Radio Kay Kay
 
Monte Carlo Nights Story
 
Xmas Radio
 
RMC Love Songs
 
Radio Festival
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Hits
 
RMC Marine
 
Music Star Coldplay
 
RMC 90
 
Music Star Giorgia
 

Mary J. Blige rivela la sua ammirazione per Amy Winehouse

Mary J. Blige rivela la sua ammirazione per Amy Winehouse

Mary J. Blige rivela la sua ammirazione per Amy Winehouse durante l'incontro con il padre Mitch

Mary J. Blige rivela la sua ammirazione per Amy Winehouse durante l'incontro con il padre Mitch Mary J. Blige ammiraAmy Winehouse soprattutto per la sua capacità di espressione «così libera». La 43enne cantante, che ha trionfato nove volte aiGrammy Awards, piange ancora per la scomparsa di Amy, morta all'età di 27 anni nel 2001. Anche Mary J. Blige ha dovuto fare i conti con problemi di “dipendenze” e ora rivela la sua ammirazione per la Winehouse e per la sua capacità di raccontare i suoi problemi nelle sue canzoni come nel caso di “Tears dry on their own”. «Amy portava con sé moltissime sofferenza e moltissime gioia. Ma aveva una capacità unica, quella di essere assolutamente libera e senza condizionamenti quando si trattava di espressione artistica – ha rivelato la Blige in un'intervista con il quotidiano ingleseThe Observer – Ha sempre detto tutto quello che voleva dire ed è questa la cosa che ho sempre ammirato in lei. Aveva la capacità di parlarti senza nessun filtro, diceva come stavano le cose che ti piacessero o no». L'incontro. Un'ammirazione che ha portato Mary J. Blige a maturare la scelta di incontrare il padre di Amy Winehouse quest'estate: «Non conoscevo Amy personalmente, non ho mai avuto la possibilità di incontrarla anche se è stata una cosa che avrei sempre voluto fare. Avrei voluto abbracciarla e dirle quanto l'amassi e quanto le persone le volevano bene. Mi sarebbe piaciuto dirle quanto fosse stupenda e straordinaria. E così ho incontrato Mitch, suo padre, e ho avuto la possibilità di abbracciarla attraverso lui. E' stato anche un momento triste, visto che ricorreva l'anniversario della sua morte, ma ho visto un uomo forte che cercava di parlare di lei senza scoppiare in lacrime. Ed anche io ho faticato a trattenere il pianto”.