WEB RADIO

Radio Festival
 
Music Star Tiziano Ferro
 
rmc
 
Xmas Radio
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Duets
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Italia
 
Radio Bau & Co
 
RMC New Classics
 
MC2
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Hits
 
Music Star Giorgia
 
RMC 80
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Marine
 
RMC Great Artists
 
RMC Love Songs
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Coldplay
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC 90
 

Cesare Cremonini: il suo messaggio di riflessione dopo l'ultima tragedia della musica

Cesare Cremonini ha pubblicato un post molto profondo sul malessere che colpisce spesso alcuni artisti e tante persone comuni. Parole vere che fanno riflettere

Cesare Cremonini: il suo messaggio di riflessione dopo l'ultima tragedia della musica

Cesare Cremonini ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un post molto profondo sul disagio interiore che colpisce tante persone comuni, non solo musicisti famosi. L'ultima tragedia della musica, che ha visto la scomparsa di Chester Bennington dei Linkin Park, è solo la punta dell'iceberg di un malessere assai diffuso. E le parole di Cremonini stanno facendo riflettere i suoi fan e il web.

«I nostri social hanno espresso, purtroppo per l'ennesima volta quest'anno, un liberatorio sentimento di massa sulla scomparsa prematura di una amata star della musica. Tenendo lontano il giudizio su una storia personale che in pochi conoscono, quel che rimane dopo qualche giorno è la nostra ignoranza e la disinformazione diffusa nei riguardi della depressione, un buco nero che risucchia tutta l'intelligenza e la sicurezza di cui la società occidentale fa vanto.. La nostra inconsapevolezza su cosa sia ci rende tutti responsabili, ognuno con la sua parte di colpa, dell'alienazione o della morte di chi ne soffre, dell'abbandono in cui battagliano le famiglie che la affrontano. Ho letto tanti commenti in queste ore che si rifiutavano di accettare una fatale debolezza da parte di chi ha il successo fra le mani, o figli da crescere, o grandi responsabilità. Ma mettere sulla bilancia del giudizio di chi compie un gesto estremo e incomprensibile il denaro, il successo, il valore della famiglia, come se bastassero a salvare una vita, è il sintomo di un pensiero tanto presente quanto affrettato, che crede che il mondo sia davvero diviso in ricchezza e povertà, in tanto e poco, prima che in malattia e in salute. Fino a quando mancherà la conoscenza che genera la giusta sensibilità sull'argomento, la depressione sarà una battaglia silenziosa, incompresa, e dura. Con questo, umilmente, cerco di dire che tuo figlio, tuo marito, tu stesso, potresti ammalartene o rinascere con questo grosso guaio da affrontare, o peggio conviverci da sempre a causa di traumi insuperabili. Vincere o perdere con la depressione non dipende solo da chi sei. Ho letto, e ho sofferto per questo.

Ora dunque ti chiedo, a te che timbri il cartellino del vivere ogni giorno. Lo chiedo a noi che possiamo vivere: siamo proprio sicuri che imbucati dentro a una depressione, saremmo capaci di uscirne con i nostri soldi? Con la nostra cultura? Con l'amore che proviamo per i nostri figli o per la nostra famiglia? Con le nostre mani? È troppo facile e non è giusto accettare che si dica "si, questo è quello che penso". Non funziona così. Non è questione di libertà di pensiero. Quel che conta davvero per chi ne soffre, è il progredire di una società sempre più cosciente di cosa sia questo male che fa vittime ogni giorno sotto ai nostri tappeti.

Ora, tornando a quei ragazzi rimasti senza papà da poche ore. Sono convinto in cuor mio che ci leggessero, sarebbe il loro dolore più forte, percepire quanto il loro padre si possa essere sentito un peso per loro, ma prima ancora, per chiunque là fuori».