George Michael e Adele: Storia di un 'amicizia

George Michael e Adele: ecco il perché delle lacrime ai Grammy

Storia di un'amicizia: tutti i retroscena dell'emozionante live dedicato a "Fastlove" e i motivi delle calde lacrime di Adele

Adele si è commossa profondamente durante il suo tributo a George Michael, nel corso dell'ultima edizione dei Grammy Award. Ha interrotto il live perché non era soddisfatta della sua voce, ha iniziato da capo, cantando una sua memorabile versione di "Fastlove" e ha poi lasciato il palco in lacrime. Per la tensione dovuta all'interruzione della sua esibizione? No, niente affatto. La cantante era emotivamente sopraffatta perché era una grande amica della star scomparsa il 25 dicembre scorso. Adele si è avvicinata alla musica grazie proprio a "Fastlove", come ha rivelato alla stampa dopo i Grammy: «Il primo artista di cui sono stata fan è stato George Michael, per "Fastlove". Quando è uscito il video, mi ha colpito profondamente. Avevo dieci anni e ho sentito tutta la vulnerabilità racchiusa in quella canzone. E' stata una delle icone più autentiche, perché i personaggi celebri spesso per proteggersi si fingono molto spavaldi, ma per lui non era una posa, era tutto naturale... La stampa britannica gli ha dato molti grattacapi, ma lui è rimasto sempre fedele a se stesso». 

L'amicizia

Adele e George erano diventati amici grazie a Elton John, che li aveva fatti conoscere l'un l'altro. Il musicista era poi volato dall'Australia a Londra per presentare sul palco Adele, vincitrice per il Best Album, ai Brit Award del febbraio 2012. Era la prima apparizione pubblica di George dopo la grave polmonite che lo aveva colpito. Il musicista aveva poi dichiarato sul palco che per ben 17 anni gli era stato chiesto di introdurre i vincitori durante la cerimonia, ma che si era deciso (venendo addirittura dall'Australia) solo quando aveva saputo che ad ottenere il premio sarebbe stata Adele. Il cantante l'anno prima aveva già invitato Adele a duettare con lui alla Royal Opera House di Londra durante uno show dedicato ad Elizabeth Taylor, per raccogliere fondi destinati alla fondazione per la lotta all'Aids intitolata all'attrice. Adele in quel periodo era molto scossa per la scomparsa di Amy Winehouse e aveva declinato l'invito. In seguito George Michael aveva nuovamente dichiarato di voler lavorare a una canzone con Adele, ma la nascita del figlio dell'artista aveva reso impossibile questo piano.

Adele aveva mostrato tutta la sua ammirazione per George nel 2015, travestendosi per il suo compleanno come il musicista. E Michael le aveva risposto, twittando di essere molto lusingato da questa scelta.

Lo show ai Grammy

Da alcune indiscrezioni pare che Adele, poco dopo la scomparsa di George Michael, avesse pensato quasi subito di cantare una canzone dell'artista ai Grammy. La famiglia del musicista non era sicura di desiderare un tributo durante la cerimonia, ma aveva accettato a patto che fosse affidato proprio ad Adele.

Dopo l'interruzione della cover durante la cerimonia, molte star presenti, tra cui Rihanna, si sono commosse per la professionalità di Adele, che ha voluto interrompersi e iniziare nuovamente a cantare. L'attrice Bette Midler e altri colleghi hanno poi twittato tutta la loro ammirazione per la cantante, che ha desiderato raggiungere la perfezione con il suo show.

Now on air