WEB RADIO

Music Star Pino Daniele
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC New Classics
 
RMC Love Songs
 
RMC Marine
 
RMC Hits
 
RMC 80
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Monte Carlo FM
 
Radio Kay Kay
 
Radio Bau & Co
 
RMC Great Artists
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC 90
 
rmc
 
Radio Festival
 
MC2
 
Music Star Zucchero
 
RMC Italia
 
Music Star Coldplay
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Duets
 

Marco Mengoni prende una pausa dalla musica

Il cantante ha dichiarato di voler stare per un po' lontano dalle scene

Marco Mengoni prende una pausa dalla musica

Marco Mengoni ha deciso di concedersi una pausa e stare lontano per qualche tempo dal mondo dello spettacolo. Il cantante si è confessato in una lunga intervista concessa a Sette, il magazine del Corriere della Sera. «Vado in aspettativa», ha infatti dichiarato. «Ho bisogno di un po' di tempo per schiarirmi le idee, e chiarire il mio stomaco, la mia anima, il mio cervello. Voglio aspettare, ma non aspettarmi. Cioè non voglio avere aspettative. Quello che deve arrivare, arriverà. Un libro? Forse è presto, non sarei in grado di entrare nell'abisso di un'emozione e raccontarla. Lo faccio con la musica. Ho già fatto un biglietto open, date flessibili. Parto solo, molto presto. Prima destinazione New York, poi da lì si vedrà».

Questi ultimi anni sono stati molto impegnativi per l'artista, che nel 2014 ha pubblicato l'album "Guerriero", seguito nel 2015 da "Parole in circolo" e da un tour. Sempre nel 2015 Mengoni ha pubblicato "Le cose che non ho", a cui sono seguite ben due tournée. Un'attività molto intensa: non stupisce dunque come il cantante abbia deciso di riposarsi per qualche tempo. Anche se, sempre durante la stessa intervista, ha voluto ricordare il legame speciale che ha con i fan: «E' una relazione quella che si crea con i tuoi fan, ogni volta diversa. È come una madre che dice: tu sei mio figlio, io ti ho portato in grembo per nove mesi, questo legame non ce lo toglierà mai nessuno. Lo stesso mi porto dentro io del mio pubblico. Si crea un legame iper-uranico che ti travolge e ti stravolge, rimette in discussione la tua vita... A Colonia sbagliavano tutte le parole e questo significava che per il 70 per cento non erano italiani, ma si lasciavano trasportare dalla musica: mi hanno colpito molto. In Campania, invece, cantavano talmente forte da superare in decibel il suono delle casse, non sentivo nemmeno la mia voce in cuffia: a quel punto potevo solo abbandonarmi alla loro festa».