Andrea Bocelli fa dietrofront: non canterà per Trump

News Musica

Andrea Bocelli fa dietrofront: non canterà per Trump

Per le troppe polemiche il tenore italiano avrebbe deciso di non esibirsi alla cerimonia di insediamento del nuovo presidente U.S.A.

Andrea Bocelli ha deciso di fare marcia indietro. Negli ultimi giorni si era diffusa la notizia che il tenore italiano si sarebbe esibito alla cerimonia di insediamento alla Casa Bianca di Donald Trump. Ma sembra che l'artista abbia deciso di declinare l'invito. A dare la notizia è stato il New York Post che avrebbe indicato come causa di questa decisione le numerose polemiche che si erano scatenate: «La situazione si sta animando troppo, sta suscitando troppo clamore. Non c'è modo che io faccia questo concerto», avrebbe dichiarato il cantante italiano.

Lo staff di Trump

In realtà nelle ultime ore Tom Barrack, presidente del Comitato d'Inaugurazione, ha smentito che Bocelli sia stato invitato a esibirsi: «Andrea e la moglie sono amici di Trump da molto tempo - ha detto Barrack - ma Donald ha detto: "Non c'è bisogno che tu ti esibisca. Ti ringrazio per l'offerta, sei un amico e sarai sempre il benvenuto alla Casa Bianca"». Le parole di Barrack però sembrano però un modo per porre rimedio a una situazione che si sta facendo piuttosto imbarazzante per lo staff di Trump. Pare infatti che sia stata ricevuta una lunga serie di rifiuti da parte degli artisti invitati a esibirsi il giorno dell'insediamento.

Now on air