WEB RADIO

Music Star Zucchero
 
Radio Kay Kay
 
rmc
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Hits
 
RMC Great Artists
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Coldplay
 
RMC Duets
 
Radio Bau & Co
 
Radio Festival
 
MC2
 
RMC 80
 
RMC New Classics
 
RMC Marine
 
RMC Love Songs
 
RMC Italia
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Jovanotti
 
Music Star Giorgia
 
RMC 90
 

News Musica

Bruce Springsteen canta per vittime del terremoto, grazie ad un fan italiano (video)

Nel corso del concerto in New Jersey, il Boss ha accolto la richiesta di un fan italiano, Giovanni Cozzani, che si è presentato al Metlife Stadium con un cartello: "For Italy' Earthquake - My city of ruins" (Per il terremoto in Italia - My city of ruins).

Bruce Springsteen canta per vittime del terremoto, grazie ad un fan italiano (video)

Bruce Springsteen ha sempre avuto un rapporto molto forte con l'Italia e lo ha dimostrato anche nel concerto che ha tenuto in New Jersey. Il Boss infatti si è esibito sulle note di "My city of Ruins" dedicata alle vittime del terremoto in Italia. Il Boss ha accolto la richiesta di un fan italiano, Giovanni Cozzani, che si è presentato al Metlife Stadium con un cartello: "For Italy' Earthquake - My city of ruins" (Per il terremoto in Italia - My city of ruins).

"Io sono un architetto di Roma, mi sono laureato in Italia e ora vivo a New York, per seguire un master in architettura. Mi sono trasferito pochi mesi fa, pensavo di seguire Springsteen anche nei concerti italiani, ma per via del trasferimento ho venduto i biglietti per comprare quello del concerto dell'altro ieri qui in New Jersey (lo stadio si trova vicino a New York)", spiega Cozzani all'Adnkronos.

"Ero tornato per le vacanze 10 giorni in italia, e il mio volo per tornare a New York era proprio la mattina del sisma.. Da casa mia a Roma ho sentito distintamente la scossa. Mentre andavo in aeroporto ho letto delle notizie, e ho saputo anche di amici stretti che avevano casa ad Amatrice, che ora è completamente distrutta. Per fortuna nessuno era all'interno quel giorno, per cui non si è fatto male nessuno", racconta.

"Durante il volo, dopo aver letto appelli per donare il sangue, vestiti, coperte, o comunque per supportare le popolazioni colpite, mi sono chiesto come potevo contribuire anche in minima parte, e mi è venuta in mente l'idea del cartello. Io sono un fan di Springsteen da anni, questo è stato il mio settimo concerto, e non avevo mai preparato una 'request'per il boss (come fanno invece moltissimi fan come me che cercano sempre di stare nelle prime file). La mattina seguente ho preso un pezzo di cartone e un pennarello e sono andato al concerto con la mia ragazza, appena arrivata anche lei dall'Italia, ma in vacanza per venirmi a trovare", dice.
"Mentre facevamo le infinite file e attese che sono necessarie per avere accesso alle prime file ho realizzato la scritta sul cartello. Devo dire che tutti gli americani incontrati, quasi tutti del New Jersey, sono stati di grande supporto anche e soprattutto quando è arrivato il momento di fare arrivare al boss il cartello. Dopo 7 canzoni fatte tutte di un fiato, il Boss si è avvicinato al pubblico per raccogliere le request dei fan (come fa per ogni concerto), e appena ha visto la mia ha subito detto 'Give me that one from Italy'", racconta ancora.

"Subito dopo è partita la bellissima dedica e quindi la canzone. È stata un'emozione incredibile, ci speravo davvero. Alla fine sono molto contento perchè penso che le persone che stanno soffrendo in questo momento a causa del sisma, possono trovare un minimo di sollievo nel fatto che dall'altra parte del mondo ci sono state centomila americani che hanno cantato tutte insieme per loro", conclude.

In Evidenza