WEB RADIO

Music Star Tiziano Ferro
 
RMC 90
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Love Songs
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Coldplay
 
MC2
 
Xmas Radio
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Duets
 
RMC New Classics
 
RMC Marine
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Hits
 
RMC 80
 
RMC Great Artists
 
Radio Festival
 
RMC Italia
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Giorgia
 
Radio Kay Kay
 
rmc
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Zucchero
 

Il ritorno di Florence + The Machine

Il ritorno di Florence + The Machine. A giugno il terzo album “How Big How Blue How Beautiful

Florence Welch

Terzo album per Florence + The Machine, dopo “Lungs” (2009 ) e “Ceremonials”  (2011). Il nuovo disco si intitola “How Big How Blue How Beautiful” ed è atteso per il primo giugno.

Florence Welch, anima del gruppo, era ultimamente apparsa nella colonna sonora del film “Il Grande Gatsby”, curata da Jay –Z (con il brano “Over The Love”) Adesso è la volta dell’album, undici brani, che vedono all’opera un nutrito team di produttori: Paul Epworth (che aveva già firmato “21” di Adele), Markus Dravs (in passato collaboratore di Coldplay, Arcade Fire e Bjork), Kid Harpoon e John Hill. Gli arrangiamenti sono di Will Gregory dei Goldfrapp. La band ha già pubblicato in rete il primo singolo, “What Kind Of Man”, e reso note alcune date del loro tour (in Norvegia, Finlandia, Svezia e Ungheria).

Florence ha descritto così il periodo precedente alla lavorazione del disco: «È stato come un… atterraggio imprevisto. Anche se nella mia scrittura utilizzo molto la fantasia e le metafore, le nuove canzoni riguardano più strettamente la realtà. “Ceremonials” parlava di morte e di acqua e della possibilità di fuga o di trascendenza attraverso la morte, ma il nuovo album parla della vita, di come amare il mondo invece che sfuggirlo, il che mi spaventa, perché non c’è nulla dietro cui nascondersi, ma bisogna darsi da fare».

L’artista ha anche motivato, con una dichiarazione ufficiale, la scelta di un produttore come Markus Dravs, che ammira fin dai tempi della sua produzione di “Homogenic” di Bjork: «. So che ha la capacità di equilibrare l’elettronico con l’organico, e mi piace il suo lavoro con le sonorità grandiose, io amo proprio queste sonorità… Lavorando con lui, ho ottenuto grandi suoni colmi però di sensualità, di calore. Ecco perché siamo tornati all’uso di strumentazioni live».

 

http://rmc.virtualcms.it/userUpload/flo.jpg