WEB RADIO

Music Star Jovanotti
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Marine
 
Radio Festival
 
MC2
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Great Artists
 
RMC New Classics
 
RMC Duets
 
RMC 90
 
RMC Love Songs
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
rmc
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Hits
 
RMC 80
 
Radio Kay Kay
 
RMC Italia
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Coldplay
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Giorgia
 

Lo specchio hi-tech per essere sempre alla moda!

Moda e innovazione: ecco lo schermo a dimensione reale che cambierà gli acquisti di abbigliamento.

Lo specchio hi-tech per essere sempre alla moda!

La moda e la tecnologia sono oramai strettamente collegate tra di loro e lo notiamo ogni qualvolta i brand che vantano una spiccata vena innovativa si attivano per dare vita a progetti che mirano a soddisfare i clienti e dar loro servizi che fino a qualche anno fa erano quasi impensabili.

Così ha fatto anche Brioni, il marchio di abbigliamento extra-lusso per uomini che ha lanciato un progetto in collaborazione con Clx Europe e Sharp. Si tratta di Miror, uno schermo di grandi dimensioni che riproduce una figura umana a grandezza naturale e simula su di esso più di otto milioni di combinazioni  di abbigliamento.

La postazione ha un costo di 10 mila euro e, Brioni si è avvalsa della collaborazione di Clx Europe per la progettazione del software, mentre a Sharp è spettata la realizzazione del monitor PN-E703 da 70 pollici su cui il software in questione è stato installato.  

Roberto Antoniotti, ceo di Clx Europe, spiega che «Questa soluzione è stata introdotta in 5 negozi, a Milano, Roma, Penne (Pescara, ndr), Las Vegas e New York. È un sistema a supporto della cerimonia della vendita, che consente di visualizzare su un monitor 4k una figura umana che indossa la propria scelta, usando un tablet come interfaccia. Essendo capi e tessuti molto costosi è fondamentale la resa dei materiali; la figura ruota ed è possibile personalizzare tutti gli aspetti, dal modello, al tessuto, ai bottoni e accessori. Il tablet, inoltre, può contenere le informazioni relative alle preferenze del cliente, previa autorizzazione, e il software può proporre tessuti in base al clima del luogo in cui si trova il negozio. Una volta effettuata la scelta, si fa l’ordine in digitale direttamente».

La progettazione del database in forma centralizzata consente al cliente di scegliere i capi in qualsiasi boutique Brioni, le quali sono virtualmente collegate tra di loro. «L’idea è portare su uno schermo da 70 o 80 pollici l’esperienza che l’utente ha su un dispositivo mobile, costruendo attività da usare sul punto vendita” spiega Carlo Alberto Tenchini, direttore marketing e comunicazione per l’Italia di Sharp. C’è da dire, però che in altri paesi questo tipo di tecnologia non è del tutto nuova. «Se in paesi come la Germania, l’Inghilterra e la Francia – continua Tenchini - questi sistemi sono diffusi già da tempo, l’Italia è un mercato in cui c’è ancora molto da fare: per tante realtà infatti si tratta della prima installazione».

Ma perché definirlo specchio? Perché è in conto la possibilità di evoluzioni che potrebbero portare il display a far testare tutte le combinazioni di abbigliamento anche sulla figura del cliente stesso. Insomma, se ciò accadesse, basterebbe semplicemente specchiarsi per guardarsi con i capi indosso… e addio camerino!

foto da luxuo.com