Hai un reggiseno da modificare? Ecco come fare!

Hai un reggiseno da modificare? Ecco come fare!

Non buttate via i reggiseni? Usateli per fare un reggiseno a fascia.

A quante di voi sarà capitato di dover uscire, voler indossare un vestito che lascia le spalle scoperte ma non avere il reggiseno a fascia? Acquistarlo è di sicuro l’opzione più rapida ma se avete in casa dei reggiseni o dei costumi che non usate più e avete un minimo di abilità con la macchina da cucire (voi o anche la mamma o la zia), potete approfittarne per riciclarlo e realizzare un reggiseno a fascia.

Eliminare le bretelline spesso non è sufficiente perché una volta fatta questa operazione il reggiseno potrebbe non reggere più il seno e scendere drammaticamente verso la vita. L’aggiunta di una fascia elastica consente invece di far stare fermo il nostro capo di lingerie, oltre che dargli un migliore aspetto.  

 

L’occorrente? Una macchina da cucire, degli spilli, un reggiseno push-up, una fascia e un tessuto elastico.

 

Dopo aver rimosso le bretelline, tagliate la fascia elastica. La dimensione di questa va proporzionata alla circonferenza del vostro seno: se è compresa tra i 70 e i 100 cm, optate per una fascia di 51x22 cm, se invece la circonferenza seno raggiunge i 117 cm la fascia deve essere leggermente più grande, ossia 56x28 cm. Fate attenzione che questa sia più elastica in senso orizzontale.

 

Ora dovete tagliare anche il tessuto elastico, più corto di 5 cm rispetto alla fascia, e segnate su entrambi i tessuti e sul reggiseno il punto centrale.

Con gli spilli appuntate le coppe sulla parte posteriore della fascia (quella non visibile), in modo che i bordi del reggiseno siano a filo con il margine superiore della fascia. Fermate tutto con la macchina da cucire utilizzando il punto zig zag. Rigirate la fascia e sulla parte diritta, invece, cucite, sempre con lo zig-zag, l’elastico, mantenendolo teso.

 

foto da cosmopolitan.it

Now on air