Eduardo Martins, il finto fotografo che ha ingannato il mondo fugge in Australia

Eduardo Martins, il finto fotografo che ha ingannato il mondo fugge in Australia

Appassionato di surf e fotografo professionista impegnato nelle zone di guerra: con una storia inventata e delle foto rubate, Martins è riuscito a diventare famoso.

Con la sua storia commovente e il suo coraggio fuori dal comune Eduardo Martins era diventato famoso in tutto il mondo, guadagnandosi interviste e pubblicazioni sui quotidiani più importanti del mondo, dal Wall Street Journal al francese Le Monde. Poi man mano tutti i segreti del "fotografo impostore" sono venuti a galla e si è scoperto che, in realtà, era tutta una farsa.

Eduardo aveva raccontato a tutti che a 18 anni aveva vinto la sua battaglia contro la leucemia e che da allora aveva deciso di cambiare vita, dedicandosi agli altri e diventando un fotografo di guerra impegnato in prima linea in zone calde come Aleppo, Gaza e Mosul. I "suoi" scatti sono diventati famosi in tutto il mondo grazie ai suoi profili su Twitter (seguito da oltre 120mila persone) e Instagram, con 58mila follower.

Poi qualche passo falso e delle segnalazioni da parte di alcuni veri fotografi professionisti hanno permesso di scoprire che la sua storia in realtà era costruita a tavolino per impressionare tutti ed ottenere un facile successo: persino la sua passione per il surf, probabilmente pensata per dare un po' di fascino al suo personaggio, era completamente inventata.

Bello, biondo, occhi azzurri, surfista che a 18 anni ha vinto la sua battaglia durata sette anni contro la leucemia e che da quell’esperienza ha trovato la forza e l’ispirazione per cambiare vita, diventando un fotografo di guerra. Così Eduardo Martins ha iniziato a realizzare reportage in prima linea da Aleppo, Mosul, Gaza, Mogadiscio che gli sono valsi pubblicazioni nei più importanti media del mondo, come Wall Street Journal, Bbc, Vice, Le Monde, e numerose interviste, un profilo Twitter da 120mila follower e uno Instagram da oltre 58 mila. Un solo problema: nessuna di quelle foto era stata realmente scattata da lui, tutte rubate ad altri fotografi professionisti. Nemmeno quelle mentre fa surf e la sua immagine del profilo: quel biondo, occhi azzurri, intento a cavalcare le onde è il surfista britannico Max Hepworth-Povey.

Now on air