Viaggio nella città con più libri che abitanti

Viaggio nella città con più libri che abitanti

In Gran Bretagna Hay-on-Wye è il villaggio che vanta più libri che abitanti: meno di duemila, rispetto a ben quaranta librerie

Viaggio nella città con più libri che abitanti

Hay-on-Wye è un villaggio della Gran Bretagna chiamato "città del libro" e non a caso: conta infatti ben quaranta librerie e meno di duemila abitanti. La prima libreria (di volumi usati) fu aperta nel 1961 da un abitante di nome Richard Booth. L'iniziativa ebbe tanto successo che ben presto furono aperte nuove librerie, rendendo il villaggio celebre come "città del libro".

Intanto, il signor Booth si proclamava re del principato autonomo di Hay-on-Wye (facendo parlare del villaggio su tutti i giornali) e trasformava in una libreria anche il castello locale. Hay-on-Wye è diventata così meta di curiosi e di amanti dei libri, e ospita anche un festival letterario (al quale nel 2002 partecipò anche Bill Clinton).

Ad Hay-on-Wye le vie sono ricche di scaffali colmi di libri, e volumi e volumi si trovano nei ristoranti e dai fiorai. Non c'è neanche bisogno di commessi e cassieri: si possono acquistare i libri dagli scaffali all'esterno del castello lasciando una sterlina (se il volume ha la copertina rigida) o 50 centesimi in un'apposita cassetta. La libreria più famosa è senz'altro il Richard Booth’s Bookshop (che vanta anche un cinema e una caffetteria), ma ci sono librerie dedicate unicamente alla poesia, al thriller o ai romanzi d'amore.  

Now on air