Segnali dallo spazio captati sulla Terra: che siano di una civiltà aliena?

Segnale dallo spazio captato sulla Terra: che sia di una civiltà aliena?

Il segnale è stato intercettato da un radioscopio del Search for extra-terrestrial intelligence. A fine settembre la comunità scientifica internazionale si riunirà per valutare il caso.

Esistono altre forme di vita nello spazio? Questo uno dei quesiti che da decenni si pone l’uomo e al quale non ha ancora trovato una risposta definitiva. Le testimonianze più o meno accreditate a riguardo sono moltissime, ma ora a parlare è direttamente il mondo della scienza: è stato registrato, infatti, un segnale potentissimo proveniente dallo spazio che fa ipotizzare l’esistenza di una civiltà extraterrestre.

A captarlo è stato un radioscopio appartenente al programma Seti (Search for extra-terrestrial intelligence, ricerche sull'intelligenza extra terrestre), il Ratan 600, situato nella Repubblica di Karačaj-Circassia, in Russia. Il programma in questione, come si evince dal nome, ha lo scopo di ricercare segnali radio che non possono provenire in modo naturale dalle stelle e che quindi sono generati artificialmente. Un criterio di ricerca dovuto al fatto che si ipotizza che le civiltà aliene, qualora esistessero, possano impiegare canali a onde radio per comunicare.

Ebbene, Ratan 600 ha captato un segnale anomalo e molto potente proveniente da una stella nello spazio. La registrazione risale allo scorso anno ma è stata resa nota di recente sconvolgendo la comunità scientifica internazionale tanto che a fine settembre si riunirà assieme ai ricercatori russi per valutare il caso e capire se è possibile confermare l’origine aliena del segnale captato.

Se è vero che il segnale è stato molto potente, bisogna considerare alcuni fattori di dubbio. Primo tra tutti il fatto che il segnale in questione sia stato registrato una volta sola, nonostante la comunità scientifica abbia tentato di captarlo altre 38 volte. Inoltre il pianeta che orbita intorno alla stella da cui proveniva il segnale radio si muove così velocemente che un anno lì corrisponde a 40 giorni terrestri e questo renderebbe la vita poco probabile… Almeno per quelle che sono le nostre condizioni favorevoli alla vita.

Now on air