Cane poliziotto licenziato: troppo tenero coi criminali

Cane poliziotto licenziato: troppo tenero coi criminali

É successo in Australia. Durante le esercitazioni in cui doveva attaccare era tenero e giocoso.

Bastava forse guardare i suoi occhi teneri per capire che non era fatto per la vita di poliziotto: è Gavel, un pastore tedesco addestrato per entrare a far parte dell’unità cinofila del Queensland, in Australia. O almeno così sarebbero dovute andare le cose. La polizia del posto, infatti, lo ha congedato perché al cane mancava uno dei requisiti fondamentali per essere un poliziotto: era poco aggressivo. Al contrario, si può proprio dire che sia un tenerone.

È stato durante gli addestramenti che gli agenti si sono resi conto che Gavel non era tagliato  per la lotta al crimine. Infatti, quando gli uomini della polizia impersonavano il criminale durante le esercitazioni, il pastore tedesco, invece di attaccare, leccava i poliziotti e gli faceva le feste. La scelta di esonerare il cane dall’incarico è stata dunque inevitabile.

Per lui, però, è stato trovato un incarico altrettanto importante e sicuramente più adatto alla sua indole mansueta: il cane è stato dato al governatore del Queensland. E pare abbia conquistato non solo lui, ma anche gli ospiti ufficiali .

Now on air