WEB RADIO

Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC New Classics
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Great Artists
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC 90
 
Music Star Zucchero
 
Radio Festival
 
RMC Italia
 
Xmas Radio
 
Music Star Coldplay
 
rmc
 
RMC Marine
 
RMC Duets
 
RMC Hits
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Bau & Co
 
MC2
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC 80
 
RMC Love Songs
 

extra

Dormire per 40 ore consecutive. La "sindrome della Bella Addormentata" che colpisce i teenagers

Solo in Inghilterra più di 100 ragazzi e ragazze ne sono affetti.

Dormire per 40 ore consecutive. La "sindrome della Bella Addormentata" che colpisce i teenagers

Beth Goodier ha dormito per sei mesi, svegliandosi solo per andare al bagno o mangiare il tanto che basta a sopravvivere.
Beth, che oggi ha 22 anni, soffre della sindrome di Kleine-Levin, conosciuta come la sindrome della Bella Addormentata.

In Inghilterra, più di 100 teenager sono affetti da questa sindrome che svuota le loro esistenze. Coloro che ne soffrono riescono ad alzarsi molto raramente ed escono di casa solo per andare dal medico, spostandosi su una sedia rotelle, a causa della forte debilitazione portata dalla malattia.
La mamma di Beth ha raccontato che la prima volta che la figlia si era sentita così tanto stanca da mettersi a dormire per un lungo lasso di tempo aveva 17 anni.
Quando lei tentò di svegliarla, ma le sue uniche reazioni furono parole senza senso farfugliate con la voce di una bambina.
La diagnosi è sempre rimasta la stessa, sindrome di Kleine-Levin.
I risvegli più lunghi di Beth durano circa due settimane.

Ai parenti dei ragazzi colpiti, la definizione "sindrome della Bella Addormentata" non piace, come dice la mamma di Lily "Non c'è nulla di romantico o dolce in tutto questo. Ogni risveglio è accompagnato da stati di confusione, poi depressione".
Questa condizione relega inoltre i ragazzi ad una continua condizione di incertezza. "Al momento esami e università non sono all'orizzonte, ma forse lo saranno un giorno. Per ora sarei già felice se si svegliasse domani", dice ancora una mamma.