WEB RADIO

Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Coldplay
 
MC2
 
RMC Italia
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Xmas Radio
 
Music Star Giorgia
 
RMC Hits
 
RMC Duets
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Love Songs
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Zucchero
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC 90
 
RMC Marine
 
Radio Bau & Co
 
RMC New Classics
 
Radio Festival
 
RMC Great Artists
 
Music Star Jovanotti
 
RMC 80
 
rmc
 
Radio Kay Kay
 

Sai che una bugia tira l'altra? Se menti una volta, non smetti più di farlo!

Secondo una ricerca londinese, il nostro cervello perde la sensibilità alla disonestà man mano che dice bugie.

Sai che una bugia tira l'altra? Se menti una volta, non smetti più di farlo!

A mentire ci si abitua? Sì, e una bugia tira l’altra. Parola di scienza: a sostenerlo è una ricerca condotta da Neil Garrett e Tali Sharot dell'University College di Londra e poi pubblicata su 'Nature Neuroscience'. Secondo i ricercatori che hanno effettuato lo studio, quando si comincia a mentire, il nostro cervello gradualmente diviene meno sensibile alla disonestà.

In sostanza, più bugie diciamo, più ne diremo. Ma come sono giunti i ricercatori a tale conclusione? Lo studio, controllato in laboratorio, ha preso in esame un gruppo di volontari e ne ha misurato l’escalation relativa al grado di disonestà. Questo ha consentito di dare una spiegazione all’effetto della brutta china: in sostanza piccole bugie, o manomissioni della verità, con il tempo aumentano di frequenza fino a portare ad atti di disonestà più consistenti.

I partecipanti al test erano 58 soggetti di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Questi dovevano riferire a una seconda persona quante monete vi erano all’interno di un barattolo di vetro.

I ricercatori hanno valutato diversi possibili casi, in base a chi traeva vantaggio dalla bugia: entrambi i soggetti, nessuno dei soggetti, solo il volontario, uno solo dei due. Ciò che è emerso è che quando la situazione era vantaggiosa per il volontario si verificava un’escalation della disonestà.

Inoltre la ricerca è andata a verificare cosa accade a livello cerebrale quando diciamo delle bugie, mediante risonanza magnetica: in un sottogruppo sottoposto a tale esame, è emerso che l’unica area cerebrale a giocare un ruolo importante nella disonestà volta al proprio tornaconto è l’amigdala, quell’area cui dobbiamo la reazione alle emozioni. È emerso infatti che, a ogni bugia detta a proprio vantaggio, l’attività dell’amigdala diminuiva. Il che non avveniva per chi diceva bugie danneggiando se stessi.

Insomma, meglio non iniziare a dire bugie, anche piccole, se non si vuole diventare menzogneri seriali!