WEB RADIO

RMC 80
 
RMC Love Songs
 
RMC Duets
 
RMC Great Artists
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Marine
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Kay Kay
 
Radio Monte Carlo FM
 
rmc
 
MC2
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Pino Daniele
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC New Classics
 
RMC Hits
 
RMC 90
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Coldplay
 
Radio Festival
 
RMC Italia
 
Music Star Jovanotti
 

extra

La poesia "Se". L'eredità di Kipling a tutti i figli

A 150 anni dalla nascita del poeta, i suggerimenti che Kipling padre rivolge a suo figlio affinché riesca a diventare un "Uomo".

La poesia "Se". L'eredità di Kipling a tutti i figli

Un meraviglioso inno alla vita dedicato da un padre al figlio che sta crescendo.

Può essere definita così la poesia di Rudyard Kipling, "Se".

Il famoso scrittore e poeta britannico autore anche del "Libro della Giungla" racchiude nei versi di Se i suggerimenti che Kipling- padre rivolge a suo figlio affinché riesca a diventare un "Uomo".

I sogni, i valori, la libertà e la volontà di considerare ogni passo della propria esistenza come un cammino verso qualcosa di nuovo.

SE

Se riesci a conservare il controllo quando tutti

Intorno a te lo perdono e te ne fanno una colpa;

Se riesci ad avere fiducia in te quando tutti

Ne dubitano, ma anche a tener conto del dubbio;

Se riesci ad aspettare e a non stancarti di aspettare,

O se mentono a tuo riguardo, a non ricambiare in menzogne,

O se ti odiano, a non lasciarti prendere dall'odio,

e tuttavia a non sembrare troppo buono e a non parlare troppo saggio:

 

Se riesci a sognare e a non fare del sogno il tuo padrone;

Se riesci a pensare e a non fare del pensiero il tuo scopo;

Se riesci a far fronte al Trionfo e alla Rovina

e trattare allo stesso modo quei due impostori;

Se riesci a sopportare di udire la verità che hai detto

Distorta da furfanti per abbindolare gli sciocchi,

O a contemplare le cose cui hai dedicato la vita infrante,

E piegarti a ricostruirle con arnesi logori.

 

Se riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite

E rischiarle in un colpo solo a testa e croce,

E perdere e ricominciare di nuovo dal principio

E non fiatare una parola sulla perdita;

Se riesci a costringere cuore, tendini e nervi

A servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,

E a tenere duro quando in te non resta altro

Tranne la Volontà che dice loro: “Tieni duro!”

 

Se riesci a parlare con la folla e a conservarti retto,

E a camminare coi Re senza perdere il contatto con la gente,

Se non riesce a ferirti il nemico né l’amico più caro,

Se tutti contano per te, ma nessuno troppo;

Se riesci a occupare il minuto inesorabile

Dando valore a ogni istante che passa,

Tua è la terra e tutto ciò che è in essa,

E – quel che è più – sei un Uomo, figlio mio!