WEB RADIO

Music Star Jovanotti
 
RMC Love Songs
 
RMC New Classics
 
RMC Duets
 
rmc
 
RMC Hits
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC 80
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Coldplay
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Italia
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Marine
 
RMC Great Artists
 
Radio Festival
 
Music Star Giorgia
 
MC2
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC 90
 

extra

"Lunch Atop a Skyscraper". La famosa foto di cui solo in pochi conoscono la storia

La storia di una delle immagini più famose al mondo.

"Lunch Atop a Skyscraper". La famosa foto di cui solo in pochi conoscono la storia

Lunch Atop a Skyscraper, la fotografia che ritrae un pranzo ad alta quota su una gru, è tra le più famose e discusse al mondo, ma quanti possono dire di conoscere davvero la storia di quello scatto?

L'atmosfera dell'immagine riporta in dietro fino all'America degli anni 30 e gli operai immortalati da Charles C. Ebbets erano gli addetti alla costruzione di uno degli edifici più alti di New York, il GE Bulding presso il Rockefeller Center.

Pubblicata per la prima volta sul New York Herald Tribune del 2 Ottobre 1932, rimasero per anni sconosciute le identità degli operai ritratti e le circostanze.

Nel 2012, il regista Sean O'Cualain ha presentato al Festival Internazionale del Film di Toronto il documentario "Man At Work".

"Man at work" racconta proprio la storia della fotografia Lunch Atop a Skyscraper, nella quale il regista si è imbattuto per una fortunata casualità.

Girando un documentario nell'Irlanda del Nord, O'Cualain è entrato in un pub, dove dietro il bancone era appesa una copia della fotografia, accompagnata dalla didascalia "Questo è mio padre Sonny. Pat Glynn".

Pat Glynn, residente a Boston, rintracciato dal regista confermò che sulla trave c'era proprio suo padre insieme a suo zio.

I due erano emigrati insieme in America per trovare lavoro.

Il regista decise quindi di proseguire le ricerche sul celebre scatto, scoprendo così che si tratta di una fotografia reale e non di un trucco da camera oscura o un fotomontaggio come era stato ipotizzato.